“Gli ospedali vedono aumentare i numeri con 2500 infezioni quotidiane, siamo quasi pieni e riusciamo a dare qualche disponibilità con qualche dimissione. La variante come quella inglese è stimata al 40% delle nuove infezioni ma a breve sarà maggioranza dei positivi. I nostri laboratori fanno analisi su dei campioni e abbiamo un quadro parziale delle infezioni nel nostro ospedale”. Lo ha dichiarato il Direttore del Dipartimento Malattie Infettive dell’Ospedale Cotugno, Rodolfo Punzi intervenendo in trasmissione su Radio Crc Targato Italia.

Punzi sottolinea: “Non è ancora accertato che ci sia una maggiore aggressività clinica della variante inglese. Aumentano i numeri per la maggiore contagiosità e quindi anche i casi più gravi, per quanto riguarda l’aggressività clinica non abbiamo percezione che sia maggiore. I tempi di quarantena devono essere allungati ma aspettiamo indicazioni dal Ministero della Salute“. E aggiunge: “Spesso non abbiamo indicazioni sul virus che ha colpito il paziente. Il nostro supporto terapeutico resta immutato come per tutte le altre terapie“.

Poi si rivolge ai cittadini dopo le scene del weekend: “In ospedale possiamo sentirci più tranquilli per la vaccinazione ma siamo più stressati perché andiamo incontro a una nuova ondata. Guardando le scene del weekend credo che prevalga la follia, se i cittadini ci vogliono aiutare devono mantenere le regole di distanziamento. Ci sono già episodi di grande burnout per gli operatori sanitari che hanno bisogno di supporto psicologico. Per Chi ha avuto il Covid le nuove infezioni sono più rare, almeno nei 90 giorni. Anche loro però devono essere vaccinati“.