Il 30 settembre scorso la Sergio Bonelli Editore ha festeggiato il 70° anniversario della nascita del suo personaggio di punta: TEX. Da quel lontano 1948 e soprattutto grazie all’intuizione geniale di Gianluigi Bonelli, l’Italia si è ritagliata un’importante fetta di mercato nel campo della narrazione figurata, ovvero il fumetto, creando una vasta gamma di personaggi in grado di incontrare il gradimento di un pubblico sempre più ampio. Una sceneggiatura degna di una regia cinematografica e disegnatori che sono dei veri e propri artisti. Le strisce illustrate capolavori in miniatura, un lavoro certosino delle sapienti mani d’artista, che esprimono emozioni, stati d’animo e azioni trovando crescente successo in un pubblico sempre più adulto e raffinato.

Napoli ha intuito presto la potenzialità di questa forma di arte e nel 1994 con il suo Fondatore e attuale Direttore Mario Punzo, ha creato la prima grande scuola di fumetto del sud, la Scuola Italiana di Comix, la scuola di fumetto ancora esistente più antica della Campania.  Mentre nel 1997 ha dato l’avvio al COMICON, la fiera del fumetto che è diventata un punto di riferimento importante per gli appassionati delle “nuvolette”. Quest’anno anche la fiera del libro Ricomincio dai libri, diretta dallo scrittore Lorenzo Marone, ha dato ampio spazio alla Scuola Italiana di Comix: Dal 5 al 7 ottobre presso il Museo Archeologico Nazionale, si terranno dei laboratori di sceneggiatura, storytelling e incontri di approfondimento sull’arte del fumetto con i responsabili e gli “artigiani” della Bonelli.

L’ultimo giorno della manifestazione si terrà l’incontro su una delle ultime creazioni della casa editrice: il commissario Ricciardi, uno dei personaggi più amati del panorama letterario italiano. Quando la Bonelli si interessò a questa figura, fu l’autore, Maurizio de Giovanni stesso, appassionato di storie a fumetti, a chiedere alla Bonelli  il coinvolgimento di un team creativo tutto campano. Un’esigenza che l’editore non ha avuto difficoltà a soddisfare vista l’abbondanza di autori che la narrativa disegnata vanta tra l’area vesuviana e il Cilento. È infatti la scuola italiana di Comix che si occupa di tutto il progetto legato a Ricciardi a fumetti, le cui prime tre uscite di grande successo preludiano la conferma di popolarità de “il giorno dei morti”.

Il 7 ottobre prossimo interverranno gli sceneggiatori Sergio Brancato e Claudio Falco, i disegnatori Daniele Bigliardo, Lucilla Stellato e Alessandro Nespolino, i coloristi Andrea Errico e Marco Matrone. Modererà l’incontro l’editor della Sergio Bonelli Editore Luca Crovi. Non è possibile immaginare cornice migliore del MANN per parlare dell’arte del fumetto. Sebbene forse, pensando al barone Luigi Alfredo Ricciardi di Malomonte, commissario della Regia Questura di Napoli, un altro luogo ci sarebbe: il famoso tavolino a lui riservato al Gambrinus, ma temo, sarebbe stato troppo piccolo per accogliere tutti coloro a cui Ricciardi sta a cuore!

Lucia Montanaro