Ha sequestrato la ex moglie all’interno di un appartamento, per punirla della sua nuova relazione, mentre si trovava insieme al compagno. I due sono stati costretti farsi fotografare in pose compromettenti dall’ex marito della donna. Gli scatti sono poi stati utilizzati per ricattare il malcapitato amante, assessore di un comune del Beneventano.

Questa mattina è finito ai domiciliari un maresciallo dei vigili urbani di Piedimonte Matese, nel casertano, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Benevento, su richiesta della locale Procura, retta da Aldo Policastro e dal procuratore aggiunto Giovanni Conzo.

L’accusa per il maresciallo è di sequestro di persona, violenza privata, estorsione, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia ai danni, a vario titolo, della ex moglie e dell’uomo con cui aveva allacciato una relazione.