Interamente rinnovato, l’impianto di risalita da ieri è tornato a collegare via Chiaia a via Nardones. Chiuso il 12 ottobre 2020, la riapertura era prevista a fine gennaio ma è slittata in attesa della necessaria documentazione amministrativa. Due nuovi ascensori, che hanno sostituito quelli precedenti, sono stati acquisiti dall’azienda, con un investimento di 120mila euro.

Le corse giornaliere saranno 700, alla velocità di 0,75 metri al secondo con un impianto elettroidraulico a spinta indiretta e motori a secco per limitare la temperatura di esercizio. La capacità dell’impianto è di 10.000 passeggeri/giorno, temporaneamente ridotta, per le limitazioni previste dalla normativa anti Covid, che prescrive l’ingresso di una persona per volta e di due persone con bambini al seguito nel caso di congiunti conviventi. 

Si tratta di un intervento importante che consente la ripresa di un servizio fortemente utilizzato dai cittadini– dichiarano l’Assessore alla Mobilità e al Trasporto pubblico, Marco Gaudini e l’Amministratore Unico ANM Nicola Pascale -. Avevamo assicurato che l’ascensore sarebbe ripartito ed oggi si dà avvio nuovamente al servizio con un impianto completamente rinnovato. Continua così l’azione dell’amministrazione e dell’ANM volta a garantire all’utenza un migliore servizio di trasporto e di intermodalità anche attraverso interventi di riqualificazione dell’offerta“.

Sono stati rimossi e sostituiti argani, cabina, contrappeso; sostituito il quadro elettrico di comando e delle linee elettriche dell’ascensore, adeguati poi i dispositivi di sicurezza previsti dalla normativa e installato il nuovo sistema di monitoraggio dell’impianto per la diagnostica di funzionamento. Infine sono state sostituite le cabine e le porte di accesso e realizzate nuove pulsantiere e indicatori di piano.