Destarono scalpore le dichiarazioni del governatore De Luca sulla possibilità di spostamenti interregionali: a sua detta, la Campania avrebbe chiuso le porte a persone provenienti da zone a rischio. Tuttavia, data la subalternità delle regioni rispetto al governo centrale, il dpcm emanato ieri sera dal Presidente del Consiglio Conte – quello che aprirà la fase 2 dal 4 maggio – mette fine alla polemica: la Campania si adegua e dà l’ok al ritorno in terra d’origine per i residenti fuori regione. Già definito il protocollo di sicurezza: avvisare l’Asl e osservare le due settimane di isolamento all’arrivo a casa.

Tuttavia, pur attenendosi alle misure del governo, secondo alcune indiscrezioni Palazzo Santa Lucia ricorda che bisogna “evitare di mettere a rischio prima di tutto i propri familiari e amici” e che i controlli vanno eseguite a monte. In tutti i casi, sono attese nelle prossime ore maggiori delucidazioni da parte del Consiglio dei Ministri in merito ai provvedimenti strettamente operativi da mettere in atto.

A destare timore, soprattutto i possibili ritorni di studenti fuori sede e agenti commerciali di settori ancora in lockdown.