Eros, Thanatos ed Ejzenstejn

Ejzenstejn in Messico

“Eros e Thanatos le due forze primordiali cosmiche che secondo Empedocle sia per il nome, che per la funzione che assolvono, sono la stessa cosa delle nostre due pulsioni originarie Amore e Distruzione.  Il nome di Eros deriva da quello della divinità greca dell’amore, e «tende a creare organizzazioni della realtà sempre più complesse o armonizzate, mentre Thanatos tende a far tornare il vivente a una forma d’esistenza inorganica. Queste sono pulsioni. Eros rappresenta per Freud la pulsione alla vita, mentre Thanatos quella della distruzione che non possono essere separate.” Questa è la versione breve data da Wikipedia sulla teoria di Empedocle/Freud, ed è anche lo sfondo sul quale Peter Greenaway dipinge con grosse pennellate surrealistiche la storia del periodo che Sergei Ejzenstejn ha passato in Messico per girare un film che non vedrà mai la luce.

43485_ppl

Ejzenstejn va in Messico a girare un film sulla rivoluzione messicana del 1911, invece il tempo passato lì sarà un viaggio alla scoperta di se stesso. Dovrà fare i conti con il suo rapporto con la morte, che pure ha dipinto nei suoi film tanto dettagliatamente, e con la sua sessualità.  Come il campanaro indio, che può suonare la campana della chiesa di  Guanajuato perché è sordo e cieco, lui è sordo e cieco alla sua omosessualità, ed a questa viene iniziato dalla sua guida Palomino Cañedo, sposato con figli. Timoroso di questa omosessualità Ejzenstejn si lascerà andare nel suo periodo messicano, per poi rinnegarla nuovamente una volta tornato in Russia, e come il suo film, questa non vedrà mai più la luce. Al suo ritorno in Unione Sovietica si sposerà due volte senza mai consumare i matrimoni, per poter vivere in una società dove l’omosessualità è un crimine.

NEWS_148442

Peter Greenaway, mostra in questo film tutto il suo amore e la sua connessione con il regista sovietico. La narrazione del film è frantumata ma scorrevole, è come vedere una storia attraverso un kaleidoscopio.

Fantastico per tutti i fan di Greenway.

4/5 Stelle

Locandina Eisenstein in Messico