Trovata gravemente ferita, in un campo per la caccia al cinghiale, è stata salvata e rimessa in libertà. La protagonista di questa storia è la lupa Raja, chiamata così in onore del dottore veterinario che l’ha operata e curata.
Più di un anno fa fu ritrovata, in provincia di Napoli, gravemente ferita ad una zampa da un cappio utilizzato dai bracconieri e portata all’ospedale veterinario Frullone di Napoli. I medici dell’Asl Napoli 1, coordinati da Pasquale Raja, le hanno dovuto amputare la zampa, purtroppo gravemente compromessa.
La lupa grigia è stata trasferita ieri in un centro di riabilitazione di Modena, dal personale del servizio Cites territoriale del Corpo forestale dello Stato. Qui l’animale potrà essere seguito da bravissimi fisioterapristi e potà godere di molte ore di libertà all’aria aperta.
A.L.