Quando investiamo i nostri risparmi ci assumiamo un rischio.

Il rischio di una perdita totale del capitale può verificarsi solo nel caso in cui abbiamo puntato tutto su un singolo strumento finanziario come nel caso delle obbligazioni argentine o greche o quelle della Lehman Brothers, o le azioni dell’Alitalia qualche anno fa. (rischio specifico)

Il rischio di non poter smobilizzare il capitale invece si corre quando ci si affida ad una banca che fallisce, anche detenendo solo un conto corrente o un conto deposito, oppure comprando titoli difficilmente scambiabili sui mercati,. Sulla carta il nostro capitale esiste, ma nella pratica non possiamo disporne (rischio liquidità)

Il rischio di vedere il nostro capitale assottigliarsi in determinati periodi per eventi del mercato (rischio mercato o settoriale)o per tensioni geo-politiche (rischio geografico o di valuta ) diventa una perdita solo se disinvestiamo.

I primi due rischi si minimizzano, o addirittura si annullano, diversificando bene il portafoglio.

I secondi due oltre che della diversificazione, hanno bisogno di tempo.

Individuare il giusto tempo di investimento è condizione fondamentale per la buona riuscita di un piano finanziario. E’ il tempo che ci indica su quali strumenti puntare, non il contrario.

In ogni caso, il nostro portafoglio subirà delle oscillazioni di prezzo, sia al rialzo che al ribasso.

Anche il conto corrente, pur non avendone evidenza, comporta un deprezzamento del nostro capitale. Passando dai titoli obbligazionari a breve termine, per quelli a medio e a finire le azioni, la banda di oscillazione si allarga.

Il rischio in finanza è quantificabile ed è possibile dargli un valore massimo che prende il nome di VaR (value at Risk). Il VaR si calcola su singoli strumenti o su interi portafogli, ha una precisione del 95% o 99% e va per orizzonte temporale, ossia si può calcolare a pochi giorni o per svariati anni.

Nell’immagine possiamo vedere una ideale linea di rapporto rischio/rendimento, chiamata Frontiera Efficiente.

I punti su questa linea rappresentano dei portafogli, e per ognuno di essi è indicato quale rischio bisogna assumersi per avere un determinato rendimento o viceversa, quale rendimento posso ottenere scegliendo il rischio che voglio correre.

Se il nostro portafoglio è esattamente sulla linea, è un portafoglio efficiente, ossia, ottiene il giusto risultato per il rischio corso.

I portafogli al di sotto della linea, invece, corrono più rischi rispetto al rendimento atteso.

Essendo la frontiera basata su una formula matematica, è previsto uno spazio al di sopra della linea, ma non ci sono portafogli che riescano ad essere stabilmente al di sopra della frontiera.

Più si rischia più si guadagna.

Il rischio che queste oscillazioni ci facciano vedere un capitale in perdita in un dato momento, si minimizza col passare del tempo.

Il VaR calcolato ci indica il range di rendimenti che possiamo ottenere assumendoci quel rischio.

Nelle immagini seguenti possiamo osservare i range di rendimento di un profilo 2 (cauto/prudente) a 2 anni e a 5 anni.

Il rendimento può, durante la vita dell’investimento, assumere valori all’interno dell’area delineata dalla curva gialla, la mediana è il rendimento più probabile al 95% di precisione.

Si nota bene che per quanto risicato, il rendimento minimo a 5 anni è comunque positivo, rispetto a quello a 2 anni, a riprova del fatto che il tempo aiuta a garantire il capitale ed un ritorno commisurato ai rischi corsi.

Ovviamente più il profilo di rischio si sposta in alto sulla frontiera efficiente, più allargati saranno i range dei rendimenti attesi, in positivo e in negativo, ma spostandoci avanti nel tempo anche un investimento rischioso può essere garantito.

Nell’esempio osserviamo i possibili rendimenti fino a 10 anni di un portafoglio al 50% azionario.

Un consulente finanziario preparato, è in grado di calcolare il rischio e il rendimento atteso del vostro portafoglio in ogni momento e per quasi tutti gli orizzonti temporali fino al 99% di precisione.

Marianna Genovese – Consulente Finanziario certificato EFPA

mariannagenov@gmail.com

Per consultare gli altri articoli del corso di educazione finanziaria clicca qui