I carabinieri sono intervenuti nella sezione elettorale di via Flavio Gioia a Procida, dove il sindaco Dino Ambrosino ha sostituito presidente e segretario del seggio, per presunte violazioni e irregolarità. Il seggio è rimasto chiuso per alcune ore. 

Dieci schede elettorali timbrate sono state trovate in un cassetto del seggio dopo la chiusura delle operazioni di preparazione al voto e la cosa è stata immediatamente segnalata alle autorità. Nel corso della serata di ieri tutti i componenti del seggio sono stati ascoltati nella caserma dei carabinieri ed a tarda notte è stata decisa la sostituzione dei due membri. Le operazioni di voto nel seggio in questione sono iniziate con circa due ore di ritardo ma procedono regolarmente.

Sull’isola, oltre che per il presidente di Regione e per il Referendum, si vota anche per eleggere il nuovo sindaco. Due i candidati: il sindaco uscente Dino Ambrosino, con la lista «La Procida che vorrei», e Luigi Muro sostenuto dalla lista «Procida per tutti».