Nel fine settimana appena concluso, il primo segnato dal declassamento da zona rossa ad arancione, Napoli e la Campania sono stati colpiti da una pesante ondata di maltempo, accompagnata da una serie di fulmini. Numerosi gli allagamenti di sottopassi e scantinati, con decine di segnalazioni per alberi divelti e cartelli stradali finiti a terra per il forte vento, che ha flagellato in particolare l’area costiera provocando anche lo stop ai collegamenti marittimi.

Un clima che ha certamente penalizzato lo shopping nel primo fine settimana di dicembre, tra negozi semi deserti e luci natalizie che illuminavano vetrine e strade del centro. Insomma, neppure i cartelli che accoglievano i clienti con le indicazioni di indossare mascherine e mantenere il distanziamento ha invogliato i più ad uscire per negozi a caccia di balocchi.

Apertura domenicale pesantemente condizionata soprattutto dal nubifragio mattutino e successivamente dalla pioggia che ha lasciato solo pochi spiragli. Poca la gente in strada per lo shopping. Si riparte, con la speranza che con l’avvicinarsi del Natale ed il miglioramento della situazione sanitaria – si punta entro sette giorni a tornare in zona gialla – le vendite possano registrare un’impennata.

A proposito dell'autore

Post correlati