La prima vittima dei botti di Capodanno è un ragazzino cinese di 11 anni. Il fatto è accaduto ieri notte a Casamarciano, un comune della provincia di Napoli, a 2 km da Nola. Il bambino, ferito al volto
da uno dei fuochi pirotecnici legali comprati dal padre (in paticolare si tratta delle “mini-cicciole”), è stato subito portato al pronto soccorso dell’ospedale di Nola. Da lì è stato poi trasferito all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli. La diagnosi dei medici è: trauma facciale con lesioni dermo-epidermiche superficiali e profonde al volto. Il ragazzino potrà guarire entro due settimane.
Assunta Lutricuso