Eh già, siamo alla prima giornata del girone di ritorno del campionato di Serie A, un girone intero da quella stramba serata di Firenze, una città quella toscana in fermento per la conoscenza con il nuovo proprietario, l’Italo-americano Commisso, l’arrivo di nuovi acquisti, su tutti Ribery e l’adrenalina di una gara sempre sentita come quella con il Napoli. Un Napoli intenzionato a recitare il ruolo di prima seria candidata al titolo alle spalle della potentissima Juventus; e alla fine, pur tra tante imperfezioni, tra molte cose su cui bisognava lavorare, la banda di Ancelotti mostrò la sua straripante potenza offensiva e capacità di ribattere colpo su colpo senza mai abbattersi. Furono i primi tre punti, un 4-3 incredibile, tanti episodi discutibili, il mani di Zielinski, il tuffo di Mertens. Quanto lo ha pagato quell’episodio il Napoli… Son passati quasi 5 mesi, gli azzurri si sono sbriciolati ed anche i viola dopo un periodo di grazia hanno stentato: e così via Ancelotti ma anche Montella!

Adesso c’è Gattuso, il tecnico calabrese ha ottenuto subito due rinforzi in un centrocampo particolarmente scarno, ci saranno sia Demme che Lobotka a disposizione, probabilmente il primo addirittura dall’inizio. Una sola vittoria in campionato per “Ringhio” e tre sconfitte ma dopo il passaggio del turno in Coppa Italia ai danni del Perugia il Napoli vuole finalmente trovare quella continuità smarrita. Mancheranno le tante solite pedine in difesa, Hysaj dovrebbe agire a sinistra in luogo di Mario Rui (squalificato) con Di Lorenzo finalmente a destra e Luperto centrale con Manolas. Tra i pali Ospina è attualmente avanti nelle gerarchie del mister; novità potrebbero esserci nel tridente offensivo dove non è escluso che possa trovare spazio uno tra Fabian e Zielinski a comporre il tridente con Insigne e Milik.

Un po’ di serenità ed entusiasmo lo ha trovato il popolo gigliato dopo la vittoria interna di domenica con la Spal e soprattutto l’exploit in Coppa Italia contro l’Atalanta con gli orobici superati nel finale addirittura in inferiorità numerica. Già protagonista il nuovo acquisto Cutrone che rappresenterà il pericolo numero uno in avanti insieme a Chiesa.

Partita da vedere, che si prospetta interessante quanto spettacolare: si gioca sabato sera alle 20:45, arbitra Pasqua. Chi perde è nei guai, soprattutto il Napoli…