L’evidenza scientifica parla chiaro: svolgere una regolare attività fisica di moderata intensità favorisce uno stile di vita sano, con notevoli benefici sulla salute generale della persona. L’esercizio fisico, preferibilmente di tipo aerobico, non deve essere necessariamente intenso: sono sufficienti 30 minuti di movimento (cammino, nuoto, bicicletta, ecc) al giorno, per almeno cinque volte a settimana, per godere di molti benefici. E allora perché non approfittarne vista la bella stagione e dedicare qualche ora alla settimana allo sport che si preferisce?

Più sport, meno rischio di malattie
Il movimento muscolare è garanzia di benessere per tutti: il migliore investimento che si possa fare sin da giovani per il proprio futuro di salute; un insostituibile strumento – alla portata di tutti – per prevenire molte malattie croniche moderne. Vediamone alcune:

Colesterolo alto – Una regolare e moderata attività fisica aiuta a bruciare le calorie in eccesso e migliora il metabolismo dei grassi, aumentando i livelli di colesterolo “buono” (HDL) e riducendo quelli di colesterolo “cattivo”, cioè che favorisce l’aterosclerosi (LDL).

Diabete – Una regolare attività fisica è consigliata soprattutto ai diabetici di tipo II, l’esercizio fisico nei quali ha dimostrato di contribuire al controllo dei livelli di zucchero nel sangue. I muscoli sotto sforzo, infatti, consumano glucosio. Sono consigliati soprattutto la ginnastica aerobica a bassa intensità, il fit-walking (jogging lento, camminare per almeno 30 minuti al dì) o le pedalate in bicicletta.

Ipertensione – Le persone inattive presentano un maggiore rischio di ipertensione rispetto a quelle che praticano regolarmente un’attività fisica. Il beneficio dell’esercizio fisico è stato documentato per tutte le età. Se soffrite di pressione alta, consultate il vostro medico prima di intraprendere qualsiasi tipo di allenamento. Tra le attività consigliate: il nuoto, le pedalate in bicicletta, le lunghe camminate, possibilmente in mezzo al verde, lo yoga.

Malattie coronariche e cardiovascolari – La pratica costante di una moderata attività fisica favorisce la riduzione del rischio di malattie coronariche (come l’infarto) e cardiovascolari. Prima di intraprendere qualsiasi allenamento, è indispensabile chiedere consiglio al proprio medico sulle attività, la frequenza e l’intensità più adatte.

Mal di schiena e osteoartrite – Per sciogliere il mal di schiena che così frequentemente affligge quanti sono costretti per lungo tempo a una scrivania, sono efficaci in modo particolare il nuoto e la ginnastica. Al contrario del passato, quando in caso di artrite veniva consigliato soprattutto il riposo, oggi sono i medici stessi a consigliare un’attività fisica regolare, che aiuti a conservare elastiche le articolazioni, a mantenere tonica la massa muscolare. Quest’ultima va irrobustita nelle zone colpite dall’ artrite, con esercizi specifici da eseguire con regolarità, se si vogliono ottenere dei risultati reali.

Obesità – Un modesto sovrappeso, in genere, non comporta rischi per la salute. Tuttavia, se il peso supera certi limiti (20-30% dei valori di peso medio riscontrati in soggetti della stessa età e altezza). il rischio di malattie croniche (diabete, ipertensione, cardiopatie, etc.) aumenta. L’esercizio fisico, quando seguito con notevole impegno e costanza, può contribuire al successo di qualsiasi dieta e ridurre la probabilità di ammalarsi. Ciò dipende dall’effetto normalizzatore che l’attività fisica svolge su alcuni meccanismi metabolici fondamentali dell’organismo, relativi agli zuccheri, all’insulina e ai grassi. Tra le attività fisiche consigliabili vi sono la cyclette, le camminate o il tapis roulant se si sceglie la palestra.