“La Villeggiatura” è un pregevole film diretto da Marco Leto nel 1972 e uscito l’anno successivo. Si ispira liberamente alla detenzione e alla fuga di Carlo Rosselli, storico e antifascista, dal confino di Lipari. Tra gli attori Adalberto Maria Merli, Adolfo Celi, Milena Vukotic, Roberto Herlitzka.  Si tratta di una delle opere cinematografiche che meglio descrive la mentalità e i comportamenti dell’alta dirigenza del regime. Il regista si giova, oltre che di una accurata ricerca d’archivio, anche della circostanza di essere figlio di Guido Leto, il capo dell’OVRA nel periodo fascista”.

Giovedì 21 febbraio  2019  alle ore 16.30

presso la sala Rari della Biblioteca Nazionale di Napoli – Piazza del Plebiscito – Napoli

Presentazione del volume “La villeggiatura” di Marco Leto Un film sul confino fascista a cura di Pasquale Iaccio 

Saluti del direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli Francesco Mercurio

Con il curatore del volume  intervengono Francesco Barbagallo storico, Sergio Bruno Centro sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, Valerio Caprara critico cinematografico

Coordina Walter Liguori – Liguori editore

Il libro, che è l’ultimo testo della collana “Cinema e storia” diretta dallo storico del cinema Pasquale Iaccio, edita da Liguori, ne ricostruisce il percorso: sceneggiatura (curata dallo stesso regista), testimonianze dei partecipanti, degli attori, la critica dell’epoca, la rilettura contemporanea, i contenuti politici, foto, manifesti, documenti. Il testo è anche un apologo dei  rapporti tra il carceriere e il sorve­gliato, tra il potere e l’intellettuale. Un contributo alla riscoperta della memoria del cine­ma e un documento di storia. “La villeggiatura resta un film bello e appassionato e un manifesto radicale di resistenza e difesa della libertà individuale, che si sottrae alle blandizie di un potere pronto a coinvolgere chi è disposto a rinun­ciare alla libertà delle idee e dei comportamenti, e quindi alla politica” (dalla pref. di Francesco Barbagallo).  Un film e un libro  di grande attualità.