Mercoledì 7 marzo 2018, alle ore 17,00 nella sala della Biblioteca Diocesana di Caserta sarà presentato il volume sulla Teologia di S. Gertrude di Helfta, mistica del secolo XIII, dal titolo:«”Da Limpida sorgente”, S. Gertrude di Helfta e l’esperienza dell’amore unificante» di Gianfranco Calcagno, Edizioni Casamari 2017. Interverranno Adriana Valerio, dell’Università Federico II di Napoli, eminente studiosa di teologia femminile e del ruolo della donna nella Storia della Chiesa e nella Sacra Scrittura; Sr. Lorenza Radini, Missionaria dell’Immacolata, P. Girolamo dal Maso, vice direttore dell’ISSR S. Pietro di Caserta, e Gianfranco Calcagno, autore del volume. Saluterà D. Nicola Lombardi, Direttore dell’ISSR S. Pietro.

L’evento, celebrato in concomitanza della festa della donna, intende inserirsi dentro un percorso di ricerca tesa a valorizzare la possibilità di una riflessione teologica declinata al femminile, sottolineando più la dimensione affettiva ed esperienziale del rapporto con il divino, piuttosto che l’aspetto meramente speculativo e facendo emergere quella “magisterialità” femminile nella Chiesa, sempre presente attraverso i secoli, ma non sempre sufficientemente valorizzato. Il titolo dell’incontro prende spunto da una frase della biografia di S. Gertrude ed è: «”Da Mistica a Teologa”, Percorsi culturali per una teologia al Femminile».

Il volume presentato si inserisce nel vasto panorama contemporaneo di studi sulla spiritualità e sulla mistica medievali indicando le coordinate teologiche di un’esperienza mistica particolare, quella di Gertrude di Helfta (1256-1302), benedettina tedesca di osservanza cistercense che colloca la sua proposta esistenziale nel grande alveo della mistica rappresentativa femminile come naturale esito della riflessione patristica e monastica da Origene a Gregorio Nisseno, da Agostino a Bernardo…, senza trascurare il filone speculativo della contemporanea mistica renano-fiamminga da Porete a Eckhart, da Taulero a Suso… La ricerca si snoda attraverso la chiarificazione delle radici bibliche per strutturare una spiritualità della luce, dell’interiorità e dell’amore nei suoi risvolti simbolici del Cuore, storici della Passione e mistici dell’Amore Unificante, unico esito finale di ogni esperienza autenticamente cristiana.