Presentati ieri al Senato i risultati della campagna di Marevivo contro l’abbandono dei mozziconi nell’ambiente. Dopo poche settimane dall’avvio della campagna “Piccoli gesti, grandi crimini”, sono soddisfacenti gli effetti dell’iniziativa: una riduzione del 69% dei mozziconi di sigaretta dispersi nell’ambiente e una diminuzione complessiva del 45% di altri piccoli rifiuti. Il progetto nazionale di sensibilizzazione contro l’abbandono di mozziconi è partita lo scorso 23 luglio da Sorrento, località scelta come Comune pilota per la prima tappa di un progetto che nel prossimo futuro sarà esteso anche ad altre città italiane.

L’iniziativa è stata promossa da Marevivo in collaborazione con British American Tobacco (Bat) Italia e patrocinata dal ministero dell’Ambiente e, in questa fase dal Comune di Sorrento. La campagna è partita dalla ricerca qualitativa condotta da Aica con l’Università Federico II di Napoli, da cui sono emerse le tre motivazioni principali per le quali i cittadini fumatori ripetono comportamenti errati: non hanno la consapevolezza del danno che causano all’ambiente gettando mozziconi a terra; spesso non sono presenti abbastanza contenitori per mozziconi sul territorio; le sanzioni previste per chi getta i mozziconi in terra non vengono applicate. La campagna quindi si è posta tre obiettivi fondamentali: sensibilizzare ed educare i cittadini sul tema del rispetto ambientale e delle conseguenze di comportamenti sbagliati; contrastare concretamente l’abbandono dei mozziconi attraverso il corretto posizionamento in città di cestini con porta mozziconi e la distribuzione di posacenere tascabili ai cittadini, nonché sensibilizzare le istituzioni locali ad applicare le sanzioni previste dalla legge per chi getta a terra Piccoli rifiuti.