Giovedì 7 giugno nel fojer del Teatro Diana è stato presentato il cartellone della  39sima stagione 2018/19. Alla conferenza stampa, patrocinata dalla famiglia Mirra, che da tre generazioni dirige il Diana, erano presenti numerosi rappresentanti della stampa, ed alcuni dei protagonisti di questa nuova stagione  del teatro vomerese  tra cui  Alessandro Siani, Vincenzo Salemme e Serena Autieri.  Nell’anno appena concluso il Diana ha visto incassi e presenze da record, con un numero di circa 180.000 spettatori in 259 aperture di sipario. La nuova stagione  promette di essere altrettanto interessante: un misto di qualità tra tradizione ed innovazione che avrà la capacità di attirare e di incuriosire.

La nuova stagione verrà inaugurata venerdì 12 ottobre con Sal Da Vinci ed il suo spettacolo musicale “Sinfonie in Sal Maggiore…reloaded”, accompagnato da un’orchestra di 50 elementi sotto la direzione del Maestro Adriano Pennino.

Dal 30 ottobre Arturo Brachetti calcherà il palcoscenico col suo spettacolo dal titolo “Solo“, dove il trasformista proporrà per la prima volta 60 nuovi personaggi.

Dal 14 novembre Massimo Lopez e Tullio Solenghi si ricostituiscono, dopo 15 anni, con il “Tullio Solenghi & Massimo Lopez Show“, in cui presenteranno uno misto di sketch, imitazioni, improvvisazioni ed interazioni col pubblico.

Il 4 dicembre vedrà la carismatica Isa Danieli affiancata da un’istrionica Giuliana De Sio in una briosa commedia dal titolo “Le Signorine“. La regia è a cura di Pierpaolo Sepe, il testo di Gianni Clementi.

Il periodo natalizio aprirà con l’adattamento teatrale, a cura di Alessandro Siani e Geppy Gleijeses, del film cult “Così parlò Bellavista”, in onore del 90simo compleanno di Luciano De Crescenzo ed in ricordo di Riccardo Pazzaglia.  Protagonisti lo stesso Gleijeses nel ruolo di Bellavista, Marisa Laurito e Benedetto Casillo.

Il 2019 si sarà inaugurato, il 16 gennaio, dalla commedia di  Ennio Fantastichini e Iaia Forte dal titolo “Tempi Nuovi“, la regia è di Cristina Comencini.  Già presentata al Napoli Teatro Festival.

Il 30 gennaio sarà la volta di Maurizio Casagrande, che torna al Diana con una commedia inedita dal titolo “Mostri a parte“,  scritta da Francesco Velonà. La storia si ispira, a livello di  modello narrativo, al film cult “Frankestein jr.” di Mel Brooks, una satira che si fa beffa e condanna i meccanismi e le logiche dello show business.

Dal 13 febbraio Massimo Ranieri sarà in scena con “Il Gabbiano” di Anton Čechov. Un’originale versione con musiche di Giancarlo Sepe. 

A partire dal 6 marzo Vincenzo Salemme, reduce da una stagione in cui ha battuto ogni record d’incasso, farà ritorno con una commedia inedita dal titolo “Con tutto il cuore“, un testo ironico e graffiante , con un tema di grande attualità mette a nudo i sentimenti più profondi dell’essere umano.

Chiuderanno la stagione Serena Autieri e Paolo Calabresi in “La Menzogna“, in scena dal 1 maggio. Una commedia contemporanea sulle frustrazioni e risentimenti derivanti dal tradimento. “Un testo forte, moderno, attualissimo“ come dichiara la stessa Autieri.

Gli spettacoli fuori abbonamento vedranno: dal 28 novembre il nuovo spettacolo di Angelo Pintus dal titolo “Destinati all’estinzione“.

Venerdì 11 e sabato 12 gennaio, Beppe Grillo  con “Insomnia“.

Dal 27 febbraio “Gli onesti della banda“, riscrittura de La banda degli onesti di Age e Scarpelli, con Ivan Castiglione, Francesco Di Leva, Giuseppe Gaudino, Irene Grasso, Luana Pantaleo e Adriano Pantaleo.

Simona Caruso