La cantante e attrice tunisina M’Barka Ben Taleb è la vincitrice della terza edizione del Premio internazionale EPHESO (Euromediterranean Phenomena. Historical, Economic and Social Observatory), riconoscimento ispirato all’omonima collana di Cisalpino – Istituto Editoriale Universitario di Milano che viene assegnato da una giuria presieduta dall’ambasciatore emerito Mario Boffo e composta da diplomatici, imprenditori e ricercatori a chi si è distinto per aver contribuito alla crescita della cooperazione euro-mediterranea e alla diffusione di valori comuni.

La cerimonia di consegna si terrà domani, martedì 21 maggio, dalle ore 16 presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli nel corso dell’evento “Il Mediterraneo che ci unisce”, organizzato dai promotori dell’iniziativa. Oltre all’Istituzione partenopea, saranno presenti Cisalpino – Istituto Editoriale Universitario, l’associazione Rete Italiana per il dialogo euro-mediterraneo (RIDE-APS), capofila italiana della Fondazione Anna Lindh, l’Istituto di Studi sulle società del Mediterraneo (ISSM-CNR) e l’Università “Carlo Bo” di Urbino.

Un momento di condivisione e di confronto con la cultura e la musica che possono dare un impulso decisivo allo sviluppo del territorio e ai rapporti internazionali nel Mare Nostrum. Ma a far da protagonista sarà soprattutto l’incontro fra le melodie nordafricane e i brani classici della tradizione partenopea dato che l’artista tunisina, principalmente autrice di musica etnica, ha interpretato in arabo alcune canzoni del repertorio classico napoletano come “Indifferentemente” e “Luna Rossa”.

Alle ore 16 avranno luogo le presentazioni dei libri “Economia e diritto dei mercati nello spazio europeo. Dall’età antica all’età globale”, a cura di Antonio Cantaro, e “Mediterranean, the Sea that Unites. New Prospects for the Agri-Food System”, a cura di Desirée Quagliarotti ed Elena Viganò, con i saluti del presidente e del direttore del Conservatorio, Antonio Palma e Carmine Santaniello, l’introduzione del direttore della collana EPHESO, Giuseppe Giliberti, il coordinamento di Enrico Molinaro, segretario generale dell’associazione RIDE-APS, e la partecipazione di Salvatore Capasso, Biagio De Giovanni e Gian Luigi Russo. Prevista inoltre, la presenza del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

Successivamente, dalle ore 18, si svolgerà la cerimonia di premiazione con gli interventi di Enrico Granara, ministro plenipotenziario e coordinatore per gli Affari multilaterali nell’area euro-mediterranea e nel Golfo, Beya Ben Abdelbaki Fraoua, console della Repubblica di Tunisia a Napoli, e Paolo Isotta, professore emerito del Conservatorio San Pietro a Majella.