Si è tenuto alla Mostra d’Oltremare il pranzo di solidarietà organizzato dal Comune, tra i volontari erano presenti anche alcuni lavoratori di Whirlpool

Napoli non lascia indietro gli ultimi. Non è un pranzo a fare la felicità, ma dimostra il cuore di una città che stiamo cercando di rendere più giusta e solidale“. Dal palco della Mostra d’Oltremare, dove si è tenuto il pranzo d’inizio d’anno, organizzato per venerdì 3 gennaio dall’Assessorato alle Politiche Sociali, il sindaco Luigi De Magistris ha espresso la vicinanza dell’amministrazione verso la parte di cittadinanza più in difficoltà, per la quale si è esibito anche in una performance canora assieme all’attrice Rosaria De Cicco e al neoassessore Rosaria Galiero. Al Comune è giunto il sostegno dell’ente di previdenza nazionale, con cui collabora al progetto “Inps per tutti“. Quest’ultimo, nel convegno nazionale delle Acli, tenutosi prima di Natale a Napoli, ha presentato i risultati delle ultime rilevazioni, che registrano una riduzione dell’otto per cento del tasso di povertà grazie al Reddito di cittadinanza, percepito da centoduemila nuclei familiari nel solo capoluogo campano, centonovantacinquemila in tutta la regione. Si sono chieste nel medio periodo sia politiche industriali che evitino che aziende piccole o grandi rischino di fallire, sia azioni che combattano l’indigenza, proponendo la revisione della misura assistenziale Rdc e l’introduzione di livelli essenziali di prestazioni che monitorino lo stato di salute delle famiglie.

Dei servizi di sostegno al reddito, della fascia di cittadinanza presente all’evento solidale e della vertenza Whirlpool, abbiamo parlato con l’assessore al Welfare e al Lavoro, Monica Buonanno. Ci ha spiegato il duplice impegno dell’amministrazione sul fronte assistenziale: il primo è quello dei servizi sociali territoriali, che accolgono chi è preso in carico dal Centro per l’impiego, il secondo è quello dei progetti di utilità collettiva, che è una forma di politica attiva del lavoro che si spera di rimettere presto in campo. Domandatole dei primi risultati prodotti dal Reddito di cittadinanza nell’accompagnamento dei percettori durante la ricerca di un impiego, è cauta e spiega che a fare la differenza sarà la tipologia contrattuale. Richiamando alla mente la richiesta del presidente delle Acli, Roberto Rossini, per il quale il Rdc andrebbe rivisto, l’assessore dice: “è una delle sperimentazioni più importanti degli ultimi anni sia in termini economici che di pensiero“, ma per quanto concerne l’utilità, non si esprimere: “si vedrà nel medio termine quanto il sistema industriale, tramite le imprese, risponde e accoglie i beneficiari di RdC nel proprio organico“. Avendo parlato del settore secondario, le abbiamo chiesto un parere sul tavolo tecnico per Whirlpool in programma al Ministero dello Sviluppo Economico per il 20 gennaio. “Come amministrazione comunale abbiamo un ruolo diverso da quello regionale, noi seguiamo i lavoratori come abbiamo fatto dal primo giugno. Siamo orgogliosissimi che siano qui, è una manifestazione di grande stima e solidarietà, che hanno dato nonostante i tanti pensieri che hanno ormai dal 31 maggio dell’anno scorso“, data di inizio del presidio, seguente alla comunicazione dell’azienda della propria volontà di chiudere il sito produttivo. Ha concluso unendosi alla richiesta di monsignor Orazio Piazza, che in occasione dell’inaugurazione del presepe vivente di Pietralcina, paese natale di Padre Pio, ha invitato i vertici della multinazionale americana a compiere gesti concreti.

Il gruppo di lavoratori di Whirlpool è stato affiancato da un centinaio di volontari, provenienti dall’associazionismo e dal terzo settore, tra cui spiccava la Croce Rossa. Un sostegno particolare è giunto da Anm, che ha garantito due collegamenti tramite bus ed Eav, che ha permesso di prendere gratuitamente la Cumana. Grandi e piccole imprese hanno collaborato fattivamente alla riuscita della giornata. Tra queste spiccano Amadori, Ferrarelle, i panifici Rescigno, Fior di Pane e Cantone, il caseificio La Perla del Sud, le pasticcerie Leopoldo e Casa Infante.