Un centinaio tra operai, studenti e disoccupati questa mattina hanno manifestato con striscioni e slogan l’arrivo del vicepremier fuori dal Liceo classico-scientifico Vittorio Imbriani di Pomigliano d’Arco, dove Di Maio si è diplomato. Il vicepremier ha parlato di tav, reddito di cittadinanza e alleanze di governo, ma ha anche commentato la notizia sulla scorta tolta al giornalista Sandro Ruotolo: “Per me è assurdo – ha spiegato – se Sandro non corre pericoli lo devono stabilire i tecnici, se invece è stata fatta una scelta imprudente, Ruotolo merita di nuovo la scorta”.

Non sono mancati fischi per il vicepremier, con momenti di tensione quando i lavoratori provenienti da Napoli e Brusciano, hanno bloccato la circolazione delle auto per alcuni minuti intimando al capo politico del M5s di scendere dall’auto e parlare con loro.

Dichiarazioni da parte di Di Maio anche sui temi quota cento e cittadinanza: ‘’Oggi presento la prima card nella storia della Repubblica per il reddito di cittadinanza, ci saranno tanti cittadini che aderiranno a quota 100, quest’anno dobbiamo tagliare 345 parlamentari e dobbiamo abbassare le tasse ancora di più alle Imprese’’.

In particolare è attivo da oggi il nuovo sito:  www.redditodicittadinanza.gov.it che per il primo mese servirà solo a fornire informazioni ai cittadini interessati. Successivamente, dal 6 marzo, diventerà operativo per chi vorrà richiedere telematicamente il reddito di cittadinanza. La procedura prevede la presentazione della domanda per ottenere il reddito, della durata di 18 mesi rinnovabile, e la verifica dei requisiti da parte dell’Inps, che invierà una mail o un sms ai richiedenti per certificare l’accoglimento. L’accredito sulla carta arriverà il mese successivo alla presentazione della domanda.