Contributo poetico inviato da Elda Chindemi

Marzo 2020
 
Siamo delle talpe stordite,
non sappiamo se è primavera o no,
è marzo e fiocca la neve,
è marzo e quel sole non c’è.
 
Le viole si disegnavano a scuola;
su un libro di storia,
cogliendo quell’attimo di un maestro distratto.
 
E’ marzo per aprire l’ombrello variopinto e gelato.
La pioggia era già caduta nella vallata grigia.
La dove passava il fresco legno,
lontano il pianto.
 
I fiori fra un pò?
E’ marzo e le viole?
E’ marzo e non so se fioriranno le ginestre nella vallata.
 
E’ marzo dietro le finestre dell’Italia tutta.
 
                                                                             Elda Chindemi