Da ieri mattina hanno riacceso i motori le ruspe del cantiere di piazza del Plebiscito a Napoli, dove sono in corso i lavori per l’ampliamento della linea 6. Operai al lavoro quindi nel cantiere per la realizzare delle camere di ventilazione della metropolitana, le famigerate griglie di areazione che per mesi sono state al centro di un’aspra querelle tra Mibac e Comune di Napoli.

Contro l’opera, lo ricordiamo, sono arrivati ben due decreti di stop da parte del ministero per i beni culturali, che hanno di fatto annullato le autorizzazioni concesse dalla soprintendenza al Comune, seguite da altrettanti pronunciamenti da parte del Tar della Campania. Il tribunale ha per due volte accolto il ricorso del sindaco Luigi de Magistris e dell’avvocato Antonio Andreottola respingendo le tesi del ministero.

Ora però si ‘campa alla giornta’, poiché nonostante il cantiere si sia rimesso in movimento incombe il rischio di un nuovo ricorso del Mibac, che potrebbe rimettere tutto in discussione. Il ministero infatti, rivolgersi al Consiglio di Stato, potrebbe annullare la decisione dei giudici del tribunale amministrativo… Un’ulteriore ‘tegola, legale non del tutto scongiurata!