Non si placano le polemiche per il permesso premio concesso a uno dei killer di Francesco Della Corte, il vigilante ucciso a Napoli mentre era in servizio alla stazione della metropolitana di Chiaiano. Ora sulla questione entra nel merito anche il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, che questa mattina ha incaricato l’Ispettorato di via Arenula di compiere accertamenti sul caso.
La famiglia della guardia giurata è indignata dopo la pubblicazione sui social delle immagini del killer, intento a festeggiare il suo 18 esimo compleanno insieme alla fidanzata, amici e parenti. L’Ispettorato intanto sta accertando “la correttezza della procedura ed eventuali condotte disciplinarmente rilevanti”. I figli e la vedova di Francesco Della Corte ieri hanno definito tutto questo una ‘vergogna’ e chiedendo, in una lettera inviata ai giudici, un maggiore rigore.