La Nuova Cooperazione Organizzata (NCO), sorta ufficialmente nel 2012, è una rete di cooperative che si propongono di promuovere una crescita culturale della società civile, coinvolgendola in progetti di cittadinanza attiva. Nello specifico, NCO è dedita ad iniziative di agricoltura sociale sui terreni confiscati alle mafie: “Nuova Cooperazione Organizzata” si pone in antitesi alla “Nuova Camorra Organizzata” e vuole rappresentare una risposta civile, altrettanto sistematica, alla criminalità.

È in questo contesto che, dodici anni fa, è nato il progetto Facciamo un Pacco alla camorra: si tratta della vendita di prodotti frutto della coltivazione dei terreni liberati, i cui proventi sono destinati ad una raccolta fondi per i progetti delle cooperative coinvolte. Il bene in questione è “A. Varone” a Maiano di Sessa Aurunca (CE) e le attività agricole, prevalentemente biologiche, sono frutto del reinserimento lavorativo di soggetti svantaggiati.

 «Facciamo un pacco alla camorra è un’iniziativa che da oltre dieci anni racconta di un riscatto che parte dalla presa in carico di soggetti svantaggiati, passa attraverso la riappropriazione dei beni confiscati alla camorra e di beni comuni abbandonati. Attività nate dalle esperienze di cooperative sociali, le quali stanno proponendo un nuovo modello di economia, di relazioni e di welfare sul territorio campano: un nuovo paradigma di relazioni, non incentrato sull’individualismo esasperato tipico del “fare” camorristico ma improntato sul “fare insieme” e costruire reti che “capacitano” le persone a investire su se stesse e a promuovere il “bene relazionale”, ricchezza, questa, che va sempre più incentivata per costruire comunità alternative alle mafie. Insomma costruire economia sociale come antidoto all’economia criminale e speculativa, per realizzare “Le terre di Don Peppe Diana“.»

All’edizione di quest’anno parteciperà anche la Polizia di Stato: sui pacchi saranno riprodotte alcune scene de Il commissario Mascherpa, un fumetto ideato e sceneggiato da Luca Scornaienchi, responsabile artistico del Museo del Fumetto di Cosenza, insieme alla redazione di Poliziamoderna e disegnato dal napoletano Daniele Bigliardo, storica matita di Dylan Dog. Questa collaborazione, promossa dal Miur per avvicinare i più giovani alle attività della Polizia, sostiene, inoltre, il Piano Marco Valerio, un progetto nato per dare sostegno concreto alle cure delle malattie pediatriche croniche dei figli dei dipendenti della Polizia di Stato.

I pacchi di quest’anno, ciascuno con un diverso assortimento di prodotti agricoli, sono di tre tipi: Un sorso di cultura, Brindiamo alla Libertà e Parliamo con dolcezza, rispettivamente al costo di 20, 30 e 45 euro ed è possibile ordinarli online, sul sito del consorzio NCO.
Grazie ai Pacchi, in questo Natale insolito, «Stappare una bottiglia di vino o mangiare una fetta di panettone artigianale con la confettura di mela “annurca” trasformata su un bene liberato dalle mafie, ha un sapore particolarmente buono, giusto e di speranza per un anno nuovo e migliore