Sono stati firmati dal ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, i decreti attuativi degli interventi previsti dal “Piano Scuola” e dal “Piano Voucher per famiglie“, nell’ambito della banda ultralarga, che rientra tra le priorità finanziabili attraverso il Recovery Plan.

Sono pari a 600 milioni di euro le risorse destinate a migliorare la connettività di cui famiglie e scuole necessitano nell’anno segnato dal Covid-19. Il Coordinamento della Strategia nazionale per la banda ultra larga ha destinato 400 milioni di euro per interventi di attivazione di servizi in banda ultralarga (fino a 1Gbps, con 100 Mbps garantiti) in oltre 32.000 plessi scolastici, 200 milioni di euro per la connessioni a internet di circa 2,2 milioni di famiglie con Isee inferiore a 20 mila euro, suddiviso in voucher da 500 euro per l’acquisto della connessione o di un tablet o di un personal computer. Gli interventi saranno gestiti da Infratel, cui sono state affidate le risorse di cui alla delibera 65/2016 e 71/2017. Tramite un portale telematico, a partire da settembre, permetterà agli operatori di registrarsi in vista dell’erogazione del contributo.

Dopo l’avvio di queste prime misure, al termine della consultazione pubblica richiesta dalla Commissione UE, già online dal 31 luglio scorso, si partirà anche con i voucher destinati alle famiglie con reddito Isee fino a 50.000 euro e alle imprese.