Siamo immersi in una delle più gravi crisi della storia contemporanea: si intrecciano e sommano congiunture economica, finanziaria, ecologica, alimentare, energeti­ca e migratoria. Il liberismo si fonda su uno schema di civilizzazione che penalizza principi come la libertà e l’uguaglianza, mentre la democrazia rappresentativa appare impo­tente dinanzi alla più grave minaccia per l’umanità: la crisi ecologica. Cosa fare? Come sovvertire l’ordinamento capitalista del mondo? In questo libro l’economista De Marzo esamina la nascita dei movimen­ti per la giustizia ambientale e come abbiano messo in discussione l’attuale modello di sviluppo e le vecchie impostazioni delle politi­che ambientali. Mentre ripercorre la geografia delle lotte in atto nel mondo a varie latitudini, l’autore ci invita a riflettere sul mondo in cui viviamo e sul potere che abbiamo di trasformarlo, in nome dell’amo­re verso quella casa comune che si chiama Pachamama: la ‘Madre Terra’ che abitiamo.

Mercoledì 16 gennaio 2019 – ore 18:00

laFeltrinelli di Piazza dei Martiri – Napoli 

Presentazione del libro Per amore della Terra – Libertà, giustizia e sostenibilità ecologica 

del coordinatore nazionale della Rete dei Numeri Pari Giuseppe De Marzo

 Insieme all’autore intervengono

Luigi de Magistris, Sindaco di Napoli 

Pietro D’Amore, Editore

Prefazione di don Luigi Ciotti – Postfazione di Marco Revelli

GIUSEPPE DE MARZO

Economista, giornalista, attivista e scrittore, ha lavorato per dieci anni sul campo con i movimenti sociali latinoamericani al fianco delle popolazioni indigene e ru­rali. Nel 2002 viene arrestato in Ecuador per le sue attività contro le multinazionali petrolifere. Tra i coordinatori della campagna referendaria 2011 per l’acqua pub­blica e contro il nucleare. In Italia lavora con don Ciotti nelle associazioni Libera e Gruppo Abele, assieme a comitati, centri di ricerca e sindacati, con cui nel 2017 ha fondato la Rete dei Numeri Pari. Collabora con diverse testate giornalistiche tra cui «il manifesto» ed è membro di diversi forum internazionali.