E’ stata approvata all’unanimità dalla Direzione Regionale del Pd, riunitasi ieri, la relazione del Segretario Regionale Leo Annunziata, che fonda su di un programma condiviso con De Luca presidente. Nel suo discorso Annunziata ha spiegato di aver “proposto alla direzione del Pd campano di comporre una delegazione con me e i cinque segretari provinciali dem per avere rapporti con le altre forze politiche che intendono costruire una coalizione di centrosinistra”.

Ma intanto se a livello nazionale tra il Pd e i Cinque Stelle l’apertura è conclamata, in Campania, di spiragli, al momento non se ne vedono. Tanto che Valeria Ciarambino, capogruppo regionale di M5S, va avanti sulla sua strada e ieri ha proposto a gran voce il nome di Sergio Costa. “C’è una persona più capace di me di parlare a tutti. Questa persona per me è il ministro Costa, un uomo dello Stato, che da generale dei carabinieri ha combattuto contro chi ha avvelenato l’ambiente” ha detto.

Inamovibile il Pd, che fa quadrato intorno al nome del presidente uscente Vincenzo De Luca. Sembra che la trattiva a questo punto verrà discussa e decisa a Roma.  “Abbiamo fatto un invito ai Cinque Stelle di aprire un discorso programmatico con noi, perché non ci sfugge il quadro nazionale– ha spiegato Leo Annunziata. Il Pd individua nel presidente uscente della Campania il futuro candidato alle Regionali, come centro apicale di un campo largo di centrosinistra“.

Intanto attraverso un video Valeria Ciarambino, via social, ha spiegato le ragioni della scelta di proporre l’ex ministro Costa. “La Campania, la mia terra, è più importante di me stessa, delle mie ambizioni personali, e credo che noi abbiamo il dovere di dare risposte e lavorare per restituirle finalmente un futuro nuovo. Per far questo è essenziale riuscire a parlare a tutti coloro che hanno a cuore il destino della Campania, anche a quei cittadini che, pur condividendo i nostri stessi valori, non si sono mai riconosciuti nel nostro Movimento. Con umiltà sento di dire che c’è una persona più capace di me di parlare a tutti. Questa persona per me è Sergio Costa oggi ministro dell’ambiente, un uomo dello Stato, che da generale dei carabinieri ha combattuto contro chi ha avvelenato l’ambiente”.