E’ bastato un anno di indagini, dal dicembre 2018 al dicembre 2019, per consentire agli inquirenti di raccogliere prove che gli indagati svolgevano stabilmente l’attività di parcheggiatore abusivo in via Chiatamone, Riviera di Chiaia, largo Vasto a Chiaia, via Nisco, via Orsini, via Carducci e via Fornari, nonché sul lungomare Caracciolo. Al termine dell’inchiesta gli agenti del Commissariato San Ferdinando, su delega della Procura, hanno notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di 40 persone indagate perchè percepivano il reddito di cittadinanza e hanno omesso di comunicare le variazioni di reddito derivanti dall’attività  di parcheggiatore abusivo.