Partita combattuta ed in equilibrio per circa tre tempi, poi, complice l’espulsione di Mattiello per brutalità, i padroni di casa prendono il sopravvento e conquistano l’intera posta in palio con ampio margine.
La partenza è tutta del Savona che grazie a due reti di Elez (una su rigore) in due minuti e al gol di Fiorentini in superiorità sorprendono gli ospiti e si portano sul triplo vantaggio.
La reazione dei rossoverdi, però, non si fa attendere; infatti, dopo soli 13” dal gol del numero sette biancorosso, Radovic accorcia le distanze e Klikovac raddoppia sfruttando un’azione con l’uomo in più; prima dello scadere del tempo Alesiani mette a segno la rete che consente ai liguri di chiudere la frazione sul doppio vantaggio
Dopo l’intervallo, è Paride Saccoia a ridurre ad una sola lunghezza il ritardo dei napoletani ma, prima Fulcheris e poi Alesiani su rigore riportano la squadra di casa sul +3.
Il Posillipo comunque non molla e rimane attaccato agli avversari grazie alla pronta replica di Klikovac e Renzuto.
All’inizio del terzo tempo gli ospiti recuperano la parità capitalizzando una superiorità con Mattiello, ma ancora una volta i liguri ripristinano il doppio vantaggio con Agostini e Fiorentini.
E’ nell’ultimo quarto che si decidono le sorti dell’incontro; l’espulsione di Mattiello per brutalità ed i conseguenti quattro minuti con l’uomo in più consentono ai biancorossi di “impossessarsi” letteralmente dell’incontro mettendo a segno un irrecuperabile parziale di 5 a 0.
Il commento del coach rossoverde Cufino: ”Si sapeva che non era facile. Al di là degli errori che una partita ad alta tensione in condizioni di organico menomato, comporta, siamo stati in gioco fino ad inizio quarto tempo. Errori da una parte e dall’altra, ma attaccati al punteggio. Poi, forse quella presunzione che che ci porta a forzare in attacco e che ci fa subire in difesa, condita da un episodio di follia che nessun presunto torto subito può giustificare, consegna al Savona un rigore e quattro minuti di superiorità numerica che ci condanna a questo indecoroso punteggio. Personalmente non sono disposto a subire processi d’ambiente e chiacchiericci facili che in questa fase servono esclusivamente a rovinare quanto di buono fatto in questi mesi di sacrificio in condizioni non sempre perfette. Adesso non c’è nemmeno il tempo di leccarsi le ferite perché in condizioni di ulteriori menomazioni (squalifica per brutalità di Mattiello) dobbiamo guardare a sabato prossimo e recuperare la fiducia nei nostri mezzi. Ultime giornate fondamentali per le indicazioni riguardanti su cosa ancora c’è da lavorare (e ce n’è di roba) per il prosieguo del nostro progetto”.

RN Savona vs DOOA Posillipo 13 – 6;

RN Savona: Antona, Alesiani 2 (1R), Damonte, Grosso, Bianco L., Agostini 1, Fiorentini Jovanovic 3, Fulcheris 1, Bianco G., Elez 5(3R), Mistrangelo 1, Deserti, Napleton – Allenatore Alberto Angelini

DOOA Posillipo: Cappuccio, Dolce, Russo, Foglio, Mattiello 1, Radovic 1, Renzuto Iodice 1, Gallo, Klikovac 2, Bertoli, Mandolini , Saccoia 1, Negri – Allenatore Bruno Cufino
Arbitri: Raffaele Colombo di Como e Alessandro Severo di Roma – delegato Salino

Parziali: 4-2, 2-3, 2-1, 5-0 ;
Superiorità numeriche: Savona 5/9 + 4/4R ; Posillipo 4/16;

Note: Usciti per limite di falli: Foglio (P) nel 3°T, Fiorentini e Alesiani (S) nel 4°T. Espulso per brutalità Mattiello (P) nel 4°T