Michele batte Stefano 21 a 19. Per il momento, nella classifica cannonieri di A1 maschile, è in vantaggio il maggiore dei Luongo.

Fratelli contro nella gara più importante della seconda giornata del girone di ritorno. Alla Scandone (ore 18, arbitri Daniele Bianco e Massimiliano Caputi, entrambi internazionali) oggi si troveranno di fronte Carpisa Yamamay Acquachiara e Sport Management. E’ in palio il terzo posto, attualmente occupato dalla squadra di De Crescenzo con un punto di vantaggio nei confronti della formazione veronese.

Nella gara di andata, disputata a Monza l’11 ottobre scorso, ebbe la meglio la squadra allenata da Marco Baldineti. 11-9 il risultato finale, con tre gol di Michele Luongo e uno di Stefano. “Mi auguro – esordisce il Luongo dell’Acquachiara – che stavolta le cose vadano diversamente”, e non si riferisce alla sfida in famiglia, ma sia al risultato della gara d’andata con la Sport Management sia alle recenti prestazioni di Firenze e Roma, “dove abbiamo giocato al di sotto delle nostre possibilità – sottolinea Stefano Luongo – anche perchè appesantiti da carichi di lavoro”.

Contro la Sport Management marcherà nuovamente visita Amaurys Perez, ancora bloccato dai problemi muscolari che gli hanno impedito di scendere in acqua al Foro italico contro la Roma Vis Nova. Confermata, dunque, la squadra di otto giorni fa con Ferrone con il n. 8 e Marziali che indosserà la calottina n. 2 di Perez.

Ieri biancazzurri in sala video, non solo per visionare gli avversari “ma soprattutto noi stessi”, precisa De Crescenzo, che chiede alla Carpisa Yamamay un salto di qualità rispetto alle prestazioni di Firenze e Roma. “Sono certo che questo riscatto sul piano del gioco ci sarà”, aggiunge fiducioso il tecnico dell’Acquachiara. In caso contrario, difficilmente potrebbe arrivare un risultato positivo contro la Sport Management, che riporterà a Napoli Olexandr Sadovyy, il centroboa che ha lasciato un ottimo ricordo tra i tifosi biancazzurri.