Il cinquecentesco Palazzo Ricca, sede dell’Archivio Storico del Banco di Napoli e dell’Istituto Banco di Napoli – Fondazione, nel cuore del centro storico di Napoli (via Tribunali, 213) è sede dell’archivio bancario storico più importante del mondo, conserva nelle sue 330 stanze documenti che raccontano cinquecento anni di storia della città attraverso le fedi di credito, attuali assegni bancari, i libri maggiori e gli elenchi dei clienti dal 1539, diventa per la prima volta palcoscenico per tre inediti spettacoli teatrali.
Grazie alla straordinaria mole di documenti conservati nell’Archivio, vero e proprio monumento della storia della città, sono stati preparati tre spettacoli ispirati a tre episodi del passato che ancora oggi hanno un grandissimo impatto sull’immaginario della città: l‘omicidio D’Avalos-Carafa, la terribile peste del 1656 e la Repubblica Partenopea del 1799.

Si comincia giovedì 29 e venerdì 30 ottobre
con lo spettacolo
CRUDELE D’AMOR
Produzione: Coop En Kai Pan e Istituto Banco di Napoli-Fondazione
regia: Luca Gatta
drammaturgia: Stefania Bruno
con: Luca Gatta, Angela Dionisia Severino, Paola Maria Cacace, Valentina Martiniello, Salvatore Valentino
drammaturgia musicale: Gian Mario Conti
drammaturgia vocale: Francesca Della Monica
assistente alla regia: Tiziana Sellato

L’azione si svolge in un’aula di tribunale dove, all’indomani dell’omicidio di Maria d’Avalos e Fabrizio Carafa, viene istruito il processo contro un unico imputato: Carlo Gesualdo principe di Venosa, marito di Maria. La scena è a pianta centrale, sul modello del teatro elisabettiano, e il pubblico è disposto intorno alla scena.
L’azione inizia con l’istruttoria guidata dal Maestro d’atti della Gran Corte di Vicaria Giovan Domenico Micena che raccoglie le testimonianze dei servi di casa Gesualdo, Silvia Albana e Pietro Bardotto – estratti dalla reale istruttoria – con l’allargarsi della rappresentazione le voci e le testimonianze si allargheranno e si sovrapporranno fino a rendere il racconto polifonico, come in un madrigale gesualdiano. Mentre i testimoni si avvicendano, raccontando ciascuno la propria versione dei fatti, i protagonisti rivivranno la storia del tragico amore – dal matrimonio felice di Gesualdo e Maria, di cui alcune testimonianze sono custodite all’interno dell’Archivio Storico del Banco di Napoli, fino al tradimento e al suo esito fatale – diventando sempre più immateriali, fino a rivelarsi nel finale come fantasmi della coscienza martoriata di Gesualdo, che, da grande madrigalista, orchestra alla perfezione la tragedia della sua vita.

L’evento si svolgerà dalle 20.00 nel salone del terzo piano
ARCHIVIO STORICO DEL BANCO DI NAPOLI in Via Tribunali 213.
Data l’esiguità dei posti è consigliata la prenotazione che può essere effettuata
telefonando al numero 339 6235295 o scrivendo una mail a coop.enkaipan@gmail.com
____________________________________________________________________________
Prossimi eventi
LA REPUBBLICA DI UTOPIA
19 e 20 novembre 2015
COMMEDIA IN TEMPO DI PESTE
17 e 18 dicembre 2015