Ha riaperto i cancelli questa mattina alle 10 ma con attenzione alla sicurezza, il parco cilentano, uno dei primi siti in Italia a consentire le visite guidate. Al fine di garantire tutti coloro che visiteranno il tempio, sono previsti ingressi contingentati e misurazione della temperatura con termoscanner. Per tutti sarà obbligatorio indossare la mascherina anti contagio e lavare di frequente le mani con gel disinfettante messo a disposizione in dispenser automatici ubicati in diversi punti del Parco. “Siamo tra i primi a ripartire in Italia – spiega all’Ansa Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Paestum e Velia -: il nostro obiettivo è quello di offrire ai visitatori un’offerta culturale ricca e accattivante garantendo la massima sicurezza”.

Al fine di evitare assembramenti, le visite si svolgeranno secondo itinerari unidirezionali e sarà utile l’App Paestum per il monitoraggio delle presenze nell’area archeologica. Inoltre, il mancato rispetto del distanziamento sociale verrà segnalato attraverso messaggi di alert. Insomma una serie di rigide misure che però non scoraggeranno i visitatori, viste già le presenze odierne. L’acquisto dei biglietti, infine, verrà sottoposto anch’esso a procedure anti assembramento, ovvero online, con possibilità di prenotazione della visita per fasce orarie prestabilite e l’uso della modalità di pagamento contactless.

Poi per favorire la partecipazione dei visitatori alle iniziative del Parco è poi disponibile un nuovo Abbonamento Paestum&Velia che permette l’accesso illimitato per 365 giorni dal primo ingresso ai due siti archeologici cilentani: l’abbonamento è acquistabile su Vivaticket al prezzo promozionale di € 20