“C’è del buono nei cattivi e del cattivo nei buoni”

È da questa affermazione – tratta dalla IV di copertina – che nasce la storia di Al Gallo, “P.t. – perdita di tempo” uscito per la collana DIECI – Homo Scrivens.

  Ignazio Settesoldi è un imprenditore napoletano di successo da anni trapiantato in Costa Brava. Ha una bella famiglia, e vive in una casa sul mare. In apparenza, è un uomo normale. Ma Ignazio nasconde un segreto: l’uomo è in realtà un killer di camorra – tale Re Leone – sfuggito a un blitz anni prima. Ingaggiato per l’ennesimo omicidio, Ignazio dovrà fare i conti con il suo ingombrante passato, e sfuggire ai suoi nemici.

D: “P.t.”, un titolo atipico. Come il romanzo?

R:  Assolutamente. P.t. è la battuta che si scambiano gli antagonisti del cattivo, per sottolineare qualcosa di inutile. Il mio libro non è solo un poliziesco: Ignazio, un uomo pieno di contraddizioni, è un padre amorevole, un marito devoto, ma anche un killer spietato. Nella sua parabola è facile riconoscere l’ambiguità della vita, che ci costringe a indossare una maschera.

D: Prima presentazione ‘fisica’?

R: Mercoledì 17 giugno presso la sede Homo Scrivens – via S. Maria della Libera, 42. Sarà una doppia presentazione: h. 18 – h. 19, nel rispetto delle norme COVID. Ad affiancarmi il Prof. Raffaele Messina, mio mentore, Aldo Putignano, editore, e Paquito Catanzaro, autore multitalento.

Una storia da leggere, dunque, condita di realtà, fiction e riflessioni.

Annamaria Pucino    

A proposito dell'autore

Annamaria Pucino

I miei articoli sono un connubio delle mie due grandi passioni: la Scrittura e la Storia dell'Arte.

Post correlati