Ed anche il nome di Ozpetek si è aggiunto alla lunga lista di personalità del mondo dello spettacolo, della cultura e della politica, che hanno ricevuto la cittadinanza onoraria della città di Napoli. Oramai “Turco napoletano”, Il regista è stato ricevuto  dal sindaco Luigi de Magistris, che gli ha consegnato una medaglia del Comune e la pergamena della cittadinanza onoraria. La cerimonia di conferimento si è svolta in un’affollata Sala dei Baroni al Maschio Angioino.

Ha presenziato alla cerimonia anche l’attrice Luisa Ranieri. “Sono felicissimo – ha dichiarato Ozpetek – tanto che stanotte, come un bambino, non riuscivo a dormire”. Tra le motivazioni del conferimento è menzionata  ls volontà dell’amministrazione, “di rendere reciproca la relazione di affetto tra il maestro Ozpetek e la città attraverso la cittadinanza onoraria, quale attestato di ammirazione, stima e affetto”. Un legame, quello tra il regista e il capoluogo campano, iniziato come da lui stesso raccontato “nel 1981, quando con Massimo Troisi feci il mio primo film da assistente volontario. Si trattava di ‘Scusate il ritardo’. Già allora Napoli mi è entrata dentro”.

Un rapporto che si è rafforzato negli anni, fino ai ciak in città del suo “Napoli Velata”, dall’esperienza, 6 anni fa, al teatro San Carlo come regista della Traviata. “Mi sentivo napoletano già prima di oggi – ha affermato Ozpetek – Napoli è una città che ti prende, lo dico sempre ai miei amici americani, francesi o turchi, che se si sta qui due o tre giorni, e si va in giro, allora non c’è scampo”.

“Il maestro Ferzan Ozpetek è ambasciatore di Napoli nel mondo, uomo del Mediterraneo, un turco napoletano:una persona molto sensibile che si è calata con molto rispetto e attenzione nel corpo di Napoli e l’ha saputa interpretare”.  Le parole del sindaco De Magistris, al termine della cerimonia.