“Nell’anima, come nel mondo fisico, agiscono due forze entrambe ugualmente grandi, ugualmente semplici, desunte dallo stesso principio generale: la forza di attrazione e quella di repulsione”. Queste parole di Ludwig van Beethoven restituiscono la cifra compositiva della Sinfonia n.5 – op. 67. E sarà proprio questa lotta contro il fato – con la vittoria finale – ad emergere durante l’esecuzione che l’Orchestra Sinfonica di Salerno “Claudio Abbado” farà domenica sera (18 novembre 2018), alle ore 20.15, al Duomo di Salerno. L’ingresso è libero. Il concerto è il primo della terza stagione concertista firmata dall’orchestra diretta dal M° Ivan Antonio e guidata dal suo patron Giovanni Di Lisa.

Ad aprire la serata sarà il “Concerto per violino n. 1 in sol min – op. 26” di Max Bruch e che vedrà accanto all’Orchestra Sinfonica di Salerno “Claudio Abbado” il violinista Gennaro Cardaropoli. Classe ’97, il giovane musicista salernitano vanta concerti nei più importanti teatri del mondo: dal Salle Garnier Opéra De Monte Carlo al Carnegie Hall di New York passando per l’Auditorio Nacional de Musica di Madrid. Ha, inoltre, suonato al festival “Eurasia” in Russia, in Tunisia e in Israele. A Lugano ha eseguito il Concerto di Ligetiper violino ed orchestra diretto da Arturo Tamayo.

GLI ALTRI APPUNTAMENTI. Il 27 dicembre l’OSSCA eseguirà un concerto lirico sinfonico alla Certosa di Padula; il 29 dicembre sarà in concerto all’Abbazia di Sant’Egidio del Monte Albino. Il nuovo anno, il 2019, per l’Orchestra Claudio Abbado sarà all’insegna della musica con il concerto in programma il 1 gennaio nella chiesa di San Francesco a Teggiano. Il calendario degli appuntamenti prevede in agenda anche il 10 febbraio ed il 10 marzo. La stagione si chiuderà il 12 aprile 2019, alle ore 20.15, al Duomo di Salerno con l’esecuzione dello “Stabat Mater” di G.B. Pergolesi.

Per info e prenotazioni: 3453199144