Mercoledì 15 marzo ha aperto al Diana “Operazione San Gennaro” l’adattamento teatrale della famosa commedia degli anni 60, di Dino Risi. Per la regia di Massimo Ghini, interpretato dallo stesso Ghini e da Domenico Aria, Mirko Ciccariello, con la partecipazione speciale di Nunzia Schiano, è un musical che ricorda l’epoca d’oro della tradizione americana, ed è infatti questo connubio tra America e Napoli, che rende unica ed originale questa messa in scena teatrale, come già lo era stato il film. Il passo è veloce e frizzante, le battute sono consumate con perfetto tempismo. E’ difficile camminare sulle orme di Totò e Nino Manfredi, ma il risultato è un lavoro teatrale che è riuscito a catturare l’atmosfera e la spensieratezza di quegli anni. La narrativa della commedia ci trasmette una Napoli fatta di diavoli e santi dal volto umano che condividono il “miracolo” di vivere, questa è una visione forse obsoleta ma che, probabilmente fa ancora sperare, e non è imbevuta di cinismo ed amarezza per una città bella, ma difficile. “Abbiamo cercato di restituire teatralmente quelle immagini e quelle atmosfere, restando in quell’epoca, quella dei meravigliosi anni 60, aiutati dalle musiche eterne di Armando Trovajoli che accompagnano ogni parte dello spettacolo.” commenta il regista e protagonista Massimo Ghini. La presenza della musica di Trovajoli è stata infatti determinante proprio nel far rispettare le due anime sia quella napoletana che quella americana che sono la base della narrazione di questa storia.  “Il grande Maestro, nella colonna sonora del film, ha costruito una struttura geniale di narrazione musicale”, continua il regista. Operazione San Gennaro sara al Diana fino al 1 aprile 2018.

Napoli 1966 

Due gangster americani (Valentina Gullace e Gampiero Mancini) approdano a Napoli per un fare un colpo. I due americani si rivolgono a Don Vincenzo (Ernesto Mahieux), boss per eccellenza, ormai “ritiratosi” in carcere, che non potendo aiutarli materialmente e soprattutto senza conoscere l’entità del colpo, li indirizza da Armanduccio Girasole detto Dudù (Massimo Ghini), suo “figlioccio d’arte”. Gli americani rivelano a Dudù il colpo da fare: Rubare il Tesoro di San Gennaro. Inizialmente Dudù, nonostante “napoletano abusivo”, di madre austriaca e figlio adottivo di Donna Assunta (Nunzia Schiano), rinuncia al colpo, ma appena viene a conoscerne il valore, trova la sua motivazione “nobile” e con l’approvazione del Santo, che a suo modo gli ha “dato ‘o segno”, assolda un’improbabile banda formata dal Capitano (Antonio Fiorillo), Agonia (Mirko Ciccariello), il Barone (Domenico Aria) e Sciascillo (Ernesto Lama). A colorare lo svolgimento della trama la storia d’amore tra  Concettina (Stefania De Francesco) e Dudù, un amore vero e disinteressato che vuole trovare nel matrimonio il suo compimento. Come va a finire il colpo è storia nota, Dudù restituisce a Napoli e ai napoletani il loro tesoro, sposa Concettina  e vissero tutti felici e contenti. 

TEATRO DIANA

Via Luca Giordano, 64 – tel. 081 5567527 – 081 5784978

http://www.teatrodiana.it/ 

Tratto dal film di Dino Risi

Al Teatro Diana dal 14 a domenica 25 marzo

Scritto da Massimo Ghini e Stefano Reali

Supervisione al testo di Luca Manfredi

Regia di Massimo Ghini

Con Massimo Ghini, Domenico Aria, Mirko Ciccariello, Stefania De Francesco, Carlo Di Maio, Antonio Fiorillo, Valentina Gullace, Ernesto Lama, Ernesto Mahieux, Giampiero Mancini, Iolanda Salvato, Nunzia Schiano