Operation Smile Italia Onlus è un’associazione senza scopo di lucro fondata nel 1982 con l’obiettivo di restituire il sorriso a tutti quei bambini affetti da malformazioni facciali e che vivono in situazioni socioeconomiche svantaggiose, che non consentono loro di accedere alle cure sanitarie.

Per scoprire di più sulla nascita di questa onlus è utile approfondire la storia dei suoi fondatori e capire chi sono William e Kathleen Magee, i quali hanno deciso di avviare questo progetto dopo essere stati nelle Filippine in un gruppo di medici volontari per curare i bambini con labiopalatoschisi.

Questo primo viaggio nelle Filippine ha mostrato a William e Kathleen Magee – chirurgo plastico il primo, infermiera ed assistente sociale la seconda – la situazione complessa in cui la popolazione viveva e la difficoltà per i bambini di accedere a delle cure sanitarie professionali e di qualità. Le malformazioni facciali impattano notevolmente sulla qualità di vita e sfortunatamente gran parte della popolazione mondiale non vive in condizioni socioeconomiche tali da garantire delle cure adeguate.

Cosa fa Operation Smile?

Da questa constatazione nasce Operation Smile, che si pone l’obiettivo di offrire degli interventi chirurgici di qualità anche in contesti difficili, per restituire il sorriso ai bambini che hanno delle malformazioni al volto. Gli interventi chirurgici sono utili non solo per migliorare l’aspetto estetico, ma anche per lavorare su quello funzionale: la labiopalatoschisi porta infatti anche a delle difficoltà nella fonazione, nella respirazione e nella deglutizione.

Oltre ad inviare dei medici specializzati nei paesi in difficoltà, la onlus si occupa anche di offrire dei programmi di formazione per i medici locali. Le malformazioni facciali sono delle situazioni complesse da trattare, sia in fase operatoria che post-operatoria. I bambini ai quali viene offerto l’intervento dovranno poi essere seguiti al termine di questo, per evitare complicanze di vario genere.

Tenere dei corsi di formazione per i medici locali consente di migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria, dando la possibilità alla popolazione di accedere con più semplicità a degli interventi efficaci: l’obiettivo finale è di rendere i medici del posto sempre più indipendenti, fino a far sì che non abbiano più bisogno del sostegno del personale di Operation Smile.

La onlus è impegnata inoltre in alcuni progetti di ricerca, volti ad accrescere la conoscenza sulla labiopalatoschisi. Al momento infatti non si sa quale sia la causa precisa di questa malformazione e si ritiene che individuarla possa essere utile per proporre dei nuovi trattamenti efficaci e per migliorare ancora di più la qualità di vita dei pazienti che sono affetti da questa malattia.

L’associazione può contare su un vasto team di volontari, composto da medici, infermieri e operatori sanitari, provenienti da oltre ottanta paesi del mondo. Il team si impegna in missioni che si svolgono in circa sessanta pesi diversi e ad oggi sono oltre 270mila i bambini che hanno potuto godere dell’aiuto di Operation Smile.

Tutte le missioni sanitarie sono rese possibili dall’aiuto finanziario che arriva da migliaia di sostenitori, ciascuno dei quali contribuisce con la cifra che desidera per consentire alla onlus di tenere in vita questo importante progetto umanitario.