E’ successo nel napoletano, dove un imprenditore di 40 anni di Varcaturo, in provincia di Caserta, ha sparato al suo ex dipendente al termine di un diverbio. Il motivo della lite la richiesta dell’operaio, che gli venissero pagati regolarmente i contributi, per dei lavori effettuati. Alle richieste insistenti l’imprenditore ha sparato alla vittima due colpi di pistola, ferendola ad una gamba. I carabinieri hanno fermato l’aggressore.

Mentre l’operaio, un cittadino extracomunitario di 55anni è stato trovato, in seguito ad una segnalazione, in via Licola Mare. I carabinieri, supportati dai militari del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna, hanno rinvenuto due bossoli sul luogo della sparatoria e arrestato il presunto responsabile.

Dalle indagini è emerso anche che l’imprenditore aveva già minacciato il suo ex dipendente tentando di obbligarlo a ritirare una vertenza sindacale presentata in passato. Il 55enne è stato dimesso e giudicato guaribile in 30 giorni per la frattura di tibia e femore.