Sfuggito al blitz di qualche giorno fa, nel corso del quale sono finiti in manette Giovanni Salomone e Giovanni Borrelli, Pasquale Ariosto, 36 anni di San Giorgio A Cremano, è stato condotto nel carcere di Secondigliano dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli. Quest’ultimo arresto chiude il cerchio investigativo che già il 4 maggio scorso portò al fermo di 7 affiliati al Clan D’Amico, costola del gruppo camorristico Mazzarella. Ariosto è stato individuato in una palazzina popolare di Viale della Resistenza a Scampia.  

Nell’omicidio commesso il 9 aprile scorso dalla banda, perse la vita Luigi Mignano, mentre rimase ferito il figlio. La vittima era in Via Sorrento, nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli che, insieme al figlio, stava accompagnando il nipote di tre anni a scuola quando improvvisamente è spuntato il commando che gli ha sparato addosso diversi colpi che lo hanno ucciso.