Sentenza annullata dalla Corte di Cassazione per i tre giovani ritenuti responsabili dell’omicidio di Francesco Della Corte, il vigilante morto il 16 marzo 2018 dopo 13 giorni di ricovero in ospedale, in seguito ad un’aggressione avvenuta all’uscita della metropolitana di Piscinola di Napoli.

I magistrati hanno disposto un nuovo processo davanti ad altra sezione della Corte di Appello di Napoli. I tre furono condannati in primo e secondo grado a 16 anni e 6 mesi di reclusione. Luigi Carrozza, Kevin Ardis e Ciro Urgillo, che all’epoca dei fatti erano minorenni, sono stati difesi, rispettivamente, dagli avvocati Covelli, dall’avvocato Musella e dagli avvocati Raffaele Chiummariello e Nicola Pomponio.