Finalmente fanno il loro ingresso al pubblico le tanto attese App di cui a lungo si è parlato durante questi mesi.
Presso la sezione Uici di Napoli, la Commissione sezionale Ausili, Nuove Tecnologie e Accessibilità insieme agli sviluppatori della Apple Developer Academy di Napoli hanno presentato tre nuovissime applicazioni realizzate per i disabili visivi.
Vogliamo ricordare, in breve, il sodalizio che nasceva un anno fa tra la Commissione e la Apple Developer Academy e dal quale nacque Cromnia, l’App che aiuta a discriminare i colori e che riscosse un’enorme successo, ancora oggi in vetta alla classifica delle preferenze, in quanto, grazie all’alta funzionalità ed attendibilità, risponde benissimo all’esigenza delle persone cieche di rilevare i colori.
Dunque, dal precedente lavoro nascono QRecord, Audiograph e Dusk; questi i nomi delle tre App che sono state presentate e che hanno ricevuto una positiva risposta tra il pubblico presente superando, di gran lunga, le aspettative.
Tre App molto diverse tra loro ma con un comune denominatore: l’autonomia delle persone minorate della vista!
I tre gruppi di sviluppatori hanno riflettuto sul tema dell’autonomia tenendo in considerazioni vari aspetti della vita quotidiana dei video lesi, spaziando, così, dall’etichettare i propri oggetti per poi riconoscerli più facilmente, al registrare i momenti della propria vita catturando i suoni al posto delle immagini, fino a concludere con l’intrattenimento offerto da ben cinque giochi accessibili che si coniugano bene anche col concetto di “integrazione”, in quanto, possono essere giocati non solo da tutti ma anche in coppia.
Tecnologia, ricerca e giovani studenti, o meglio, giovani e duttili menti pronte a cambiare il futuro… questo trinomio è il motore propulsore che anima la stretta collaborazione tra la Commissione e l’Academy che, come si è detto più volte, continuerà con ulteriori nuovi progetti nel 2019.

Attraverso la ricerca che incontra lo spirito solidaristico, si muoveranno altre iniziative che avranno un solo fine ultimo, l’autonomia dei disabili visivi.
Grazie infinite ai giovani studenti della Apple Developer Academy per la sensibilità dimostrata e l’impegno profuso.