Una bella iniziativa che vale la pena ricordare per tutti coloro che vivono nella provincia di Benevento. È già del due gennaio dello scorso anno la delibera del comune sannitico che prevede nessun pagamento della Tari per chi adotta un cane randagio catturato sul territorio e ricoverato nel canile convenzionato. E’ questa l’idea riproposta quest’anno dal Comune di Ponte e nata con lo scopo di incentivare la cittadinanza ad una buona azione. Soprattutto dopo le festività natalizie che hanno visto un grosso numero di animali perduti, perché messi in fuga dai fuochi di Capodanno.

L’iniziativa dell’amministrazione, guidata dal sindaco Fusco, prevede la concessione di un contributo economico pari alla tassa sui rifiuti dovuto su base annua dal nucleo familiare del cittadino adottante. L’importo da 365 euro sarà rapportato ai mesi di effettiva adozione del cane. Ad occuparsi della campagna di sensibilizzazione è la Polizia Municipale del comune sannita con il responsabile del Settore Vigilanza, il maggiore Giuseppe Mottola.