Prima ancora del Napoli sono la città e la sua magnifica gente a vincere nel sabato sera di campionato al San Paolo: splendido gesto di civiltà lo striscione esposto in curva B che recitava:

“Nelle tragedie non c’è rivalità, uniti contro il Coronavirus “.

La squadra di Gattuso non vuole essere da meno e sciorina una delle prestazioni più convincenti sotto la gestione di Ringhio: dopo due minuti di Toro infatti il Napoli prende il comando delle operazioni e domina letteralmente l’incontro. A sbloccarla è Manolas poco prima del 20′ con un perentorio colpo di testa su punizione di Insigne. Il Napoli trova il raddoppio soltanto al minuto 82 dopo aver sprecato diverse potenziali occasioni da rete sempre con un difensore, Di Lorenzo. Nel recupero ci pensa Edera a dimezzare lo scarto. Il Napoli vince ancora e continua la sua rincorsa…

OSPINA 5,5: un’uscita sbagliata dopo due minuti per poco non regala il vantaggio al Torino ma De Silvestri spreca. Poi soltanto giocate di piede e qualche uscita alta in presa comoda.

DI LORENZO 7: nel primo tempo conferma una certa tendenza consolidata di non spingere più come un tempo. Nella ripresa smentisce tutto e tutti e diventa un autentico martello e prima di trovare il gol del raddoppio ci va vicino con un altro inserimento concluso con un destro respinto alla grande da Sirigu.

MANOLAS 7: il greco gioca una gara impeccabile, non rischia nulla e trova pure un gran bel gol, quello importante che sblocca il match.

MAKSIMOVIC 7: il serbo probabilmente in termini strettamente legati alla prestazione fa ancora meglio del suo partner. Di testa, in anticipo, in uscita palla al piede l’ex della serata inizia a far capire perché sia stato pagato una cifra notevole…

HYSAJ 5,5: dopo poco più di due minuti recupera il pallone e capovolge un’azione da difensiva in offensiva spaccando a metà la linea di centrocampo granata con un illuminante filtrante di sinistro che avvia una pericolosa ripartenza. E cominci a fantasticare su quanto abbia potuto lavorare in questi giorni a Castel Volturno per migliorarsi… Poi ti fa ritornare alla triste realtà fallendo 3-4 passaggi/lanci che neanche nella peggior Lega Pro. Attento ed applicato però, porta a termine il suo compito facendo rifiatare Mario Rui.

FABIAN RUIZ 6,5: ha ritrovato serenità e si nota in mezzo al campo. Lo spagnolo a testa alta sa sempre cosa fare e non è mai banale, distribuisce palloni con eleganza ed efficacia.

LOBOTKA 6: nella prima frazione piace poco anche perché oscurato dalla continua opposizione di Zaza e Belotti che a turno hanno il compito di marcarlo e di impedirgli la giocata. Nel secondo tempo si scuote, è maggiormente nel vivo dell’azione e per poco non si regala la prima soddisfazione napoletana dopo una bella azione personale. Ultimi minuti per ALLAN S.V

ZIELINSKI 6: non una di quelle serata da incorniciare ma Piotr risulta importantissimo nei meccanismi partenopei.

POLITANO 6: ci aspettiamo sicuramente qualcosa in più da Matteo, capace comunque, soprattutto nella ripresa, di accendersi creando la superiorità e tentando la giocata per mandare in rete il compagno di turno come nell’occasione dello splendido assist per Di Lorenzo, fermato però da Sirigu… Nel finale entra ELMAS S.V.

MILIK 6: movimenti di grande intelligenza ma il polacco è poco fortunato nella finalizzazione. Al suo posto MERTENS 6,5 che si aziona subito e diventa decisivo confezionando lo splendido assist per il raddoppio firmato Di Lorenzo.

INSIGNE 6: tatticamente ineccepibile, il capitano però deve migliorare sotto l’aspetto della conclusione. Sirigu è bravissimo a negargli la gioia del gol su una “bicicletta” dopo preziosa sponda di testa di Milik ma non può fallire sempre la stoccata quando è a tu per tu con il portiere avversario.

GATTUSO 7: fa un po’ di turn-over e la squadra risponde con una gara davvero ineccepibile. I numeri adesso si stanno facendo interessanti…