Ha aperto al Teatro Augusteo di Napoli, venerdì 11 gennaio con repliche fino a domenica 20 gennaio 2019, lo spettacolo “Comicissimi fratelli. Il pubblico ha sempre ragione” con Gianfranco e Massimiliano Gallo, scritto e diretto da Gianfranco Gallo e prodotto da Città Mediterranee. E’ una commedia del repertorio napoletano comico tradizionale, scritta originariamente da Antonio Petito, e che fu già cavallo di battaglia dei fratelli Giuffrè nei primissimi anni 80. Ambientata in un teatro agli inizi del secolo scorso, è la storia del Teatro nel Teatro, tratto marcatamente pirandelliano, con la magnifica scenografia di opere dipinte, della geniale artista Roxy in the Box.

E’ la storia di due fratelli, attori in un piccolo teatro partenopeo di commedia classica all’inizio del ‘900, che si separano: uno dei due decide di andare a lavorare nella compagnia di Scarpetta, tradendo dunque l’altro fratello, secondo il punto di vista di quest’ultimo. Infatti il teatro della commedia frizzante dei Petito, discendenti dei comici dell’Arte, attori “fisici”, e inventori di battute sempre nuove, era in netta opposizione a quello di Scarpetta ma soprattutto ai De Filippo, un Teatro borghese, e più guidato dalla narrativa del copione.

Nella nostra divertente farsa, tutto inizia con Gianfranco e Massimiliano che interpretano se stessi. Le storie dei due fratelli Gallo che s’intrecciano con quelle dei due fratelli attori dei primi del ‘900, sono il link di due ore esilaranti. Gianfranco ha deciso di lasciare il giorno dopo la compagnia di famiglia, il suo futuro lo vede in Tv, sul Web, nei salotti più Pop e ‘trendy’, da lì dice, sarà forse possibile arrivare alle platee che contano, alla massa, ai giovani che rifuggono il Teatro, la tradizione. Massimiliano invece è convinto della bontà della loro azione artistica.

Quando si alza il sipario si entra nel fulcro della narrativa, tornando indietro ai primi del ‘900, dove i Gallo devono recitare una farsa ispirata alla Francesca da Rimini di Petito. La sera in cui deve andare in scena la tragedia di Silvio Pellico “Francesca da Rimini” ha luogo una zuffa tra attori che impedisce la recita, proprio nel momento in cui si deve aprire il sipario, che quindi non si solleva con il pubblico che attende trepidante. Massimiliano Gallo esce infatti per avvertire che la tragedia non potrà avere luogo. Una signora Inglese seduta sugli spalti, protesta. Però non c’è nulla da temere: è stata improvvisata e messa in piedi una nuova compagnia che potrà garantire lo spettacolo.

Grazie all’aiuto degli altri impavidi ed improvvisati attori e del fidato suggeritore, si potrà mettere in scena la tragedia di Silvio Pellico, che riprende il tema dantesco, per la quale il pubblico si è recato a teatro. Ovviamente i nuovi attori non conoscono affatto le proprie parti, e nel tempo che si sono dati per per provare la tragedia, gli improvvisati guitti inventano gesti e battute. E lo spettacolo da tragedia diviene una farsa esilarante. Con tempi comici perfetti e ritmo serrato. Una vera e propria ‘commedia dell’arte‘ napoletana.

“…In più ho di proposito mischiato le carte, presentando come successiva la farsa del secondo tempo, che invece è precedente a quella del primo. Tutto deve essere solo al servizio del gioco, della trama, del divertimento”, spiega Gianfranco Gallo. Nel 1990 i fratelli Gallo ne fecero una versione sotto la direzione di Aldo Giuffrè. “Con la recente morte di Carlo, “Comicissimi Fratelli” ha assunto un ancor più grande significato, e così il cerchio si chiude: Comicissimi fratelli… Una comicissima Tragedia… Stasera Francesca di Rimini…” Ha concluso l’attore.

In scena con Gianfranco Gallo e Massimiliano Gallo, anche Gianluca Di Gennaro, Bianca Gallo, Franco Pinelli, Arduino Speranza e Marco Palmieri.

Spettacoli: sabato 12 gennaio ore 21:00, domenica 13 gennaio ore 18:00, martedì 15 gennaio ore 21:00, mercoledì 16 gennaio ore 18:00, giovedì 17 gennaio ore 21:00, venerdì 18 gennaio ore 21:00, sabato 19 gennaio ore 21:00, domenica 20 gennaio ore 18:00.

TEATRO AUGUSTEO

P.tta duca d’Aosta 263 Tel. 081414243 – 405660-Fax 400045