Come disposto da ordinanza regionale, da oggi in Campania le seconde classi delle elementari sono rientrate in aula. Ma non tutti: nel casertano, infatti, nonostante il calo dei contagi, su ordine dei sindaci rimarranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado, comprese quelle dell’infanzia già riaperte nelle altre province due settimane fa.

Nel fine settimana sono fioccate le ordinanze di proroga nei comuni di Aversa, Cesa e Capodrise sono gli ultimi centri, in ordine di tempo, ad aver adottato tale scelta, ma hanno già deciso l’ulteriore stretta il capoluogo Caserta, e altre popolose città come Maddaloni, Santa Maria Capua Vetere, Capua, Castel Volturno, Mondragone, Casal di Principe, centri medio-piccoli come Santa Maria a Vico, San Nicola la Strada, Casagiove, San Felice a Cancello, Parete, San Prisco, Santa Maria La Fossa, Grazzanise, Carinaro, Casapulla, San Tammaro, Cancello ed Arnone, Cellole, Dragoni, Trentola Ducenta, Sant’Arpino, San Cipriano, Casapesenna, Villa Literno, Caiazzo, Arienzo, Recale.