Naturopatia e Bioterapia Nutrizionale(R), di Patrizia Pellegrini Naturopata, dalla mia farmacia naturale pillolenaturopatiche per voi: oggi vi descrivo i benefici alla salute del kiwi.

Originario della Cina meridionale, dove cresce come pianta spontanea, l’actinidia ha trovato un ambiente particolarmente favorevole alla sua coltivazione in Nuova Zelanda. Il frutto di questa pianta è stato denominato Kiwi, verso la fine degli anni ’60 si è diffuso in Italia.

Il “Kiwi” svolge un’azione dissetante, rinfrescante, diuretica e depurativa; inoltre, grazie al contenuto di vitamina C, favorisce le difese naturali dell’organismo.

Oltre il tradizionale consumo fresco, il Kiwi può essere utilizzato in cucina nelle preparazioni di succhi, sciroppi, macedonie, torte, conserve, marmellate e… ricche insalate.

La loro conservazione è ottimale a basse temperature e un grado di umidità del 90-95 %.

Il contenuto di vitamina C e potassio varia a seconda della grandezza, c’è in proporzione molto di più nei kiwi a taglia piccola.

Più di altri alimenti ricchi di vitamina C, il kiwi è utile per aumentare le difese dell’organismo nelle sindromi influenzali e nei raffreddamenti grazie all’azione sinergica di tre componenti: rame, ferro e vitamina C. Inoltre contribuisce alla fissazione del calcio nelle ossa per il suo apporto di fosforo, magnesio e calcio.

L’effetto lassativo del kiwi si verifica per lo stimolo epatico esercitato dalla vitamina C, per l’azione miorilassante del potassio e soprattutto per la notevole quantità di cellulosa e di pectine del suo stroma.

Ottimo nei soggetti affetti da stipsi assunto all’inizio del pasto.
Un’attenzione particolare va ai soggetti allergici per manifestata reattività.

Per la sua percentuale di fruttosio, inferiore a quella di molti altri frutti, può essere indicato nell’alimentazione quotidiana di chi deve prestare attenzione alla glicemia.

Patrizia Pellegrini Naturopata

Bioterapia Nutrizionale®

➡Per INFO , domande e curiosità potete contattare la naturopata:

☎ 3339995532
💌mail.patriziapellegrini@gmail.com
www.patriziapellegrini.com