Quando la quantità di tossine accumulate nel nostro organismo supera la capacità del corpo di eliminarle o neutralizzarle, l’accumulo di queste diventa nocivo, e può scatenare reazioni allergiche, infiammatorie, immunitarie o degenerative.

Cosa sono le tossine?

Sono i prodotti di scarto del metabolismo e gli inquinanti introdotti con l’alimentazione.

Come possiamo aiutare il nostro organismo a liberarsi delle tossine in eccesso?

Attraverso l’attivazione di meccanismi di drenaggio e disintossicazione.

Un’efficace disintossicazione avviene su due livelli: da un lato si riduce il carico tossico assunto, dall’altro si stimolano gli organi che hanno la funzione di eliminare le tossine, come reni, fegato, pelle, polmoni, intestino.

Il drenaggio può quindi avvenire per via diretta, grazie allo stimolo degli alimenti, o indiretta (eliminando o riducendo altri alimenti).

Per favorire il drenaggio e l’eliminazione delle tossine è dunque importante utilizzare alimenti capaci di facilitare il metabolismo delle sostanze estranee all’organismo, come cipolla, aglio, cicoria, tarassaco e carciofo, e in linea generale aumentare l’apporto di alimenti crudi, ricchi di acqua di vegetazione, riducendo allo stesso tempo l’apporto di proteine animali (in particolare carne rossa) glutine, verdure ricche di ossalati come spinaci e asparagi. Tra i grassi, da assumere in quantità moderate, preferiremo sempre l’olio extravergine d’oliva usato a crudo.

Il toccasana sono gli estratti, da comporre unendo più verdure e un frutto drenante.

Primavera posticipata, i pollini hanno atteso che uscissimo di casa per far arrivare le allergie stagionali.

Si tratta di una reazione esagerata dell’organismo rispetto a una potenziale “minaccia”.

Anche quando i test allergologici non evidenziano una correlazione alimentare, la Bioterapia Nutrizionale ci mostra che una corretta alimentazione può aiutare a mitigare i sintomi.

In particolare in fase acuta sarà consigliato escludere dall’alimentazione per alcuni giorni:

carne rossa, di pollo e maiale

eccesso di lieviti

latte e derivati

fragole

pomodoro, specialmente se poco maturo

uova

prodotti ittici️

sostanze eccitanti come tè, caffé, cioccolata, cola.

Questi alimenti si potranno reintrodurre gradualmente passati i sintomi peggiori.

Di Patrizia Pellegrini Naturopata

Bioterapia Nutrizionale®

➡Per INFO , domande e curiosità potete contattare la naturopata:

☎ 3339995532
💌mail.patriziapellegrini@gmail.com
🌐 www.patriziapellegrini.com