Sette giovani sono stati arrestati con l’accusa di aver messo a segno la rapina ai danni di un garage nel quartiere collinare del Vomero, dal quale sono state sottratte 5 autovetture, 200 euro e un sistema di videosorveglianza. I destinatari delle ordinanze sono 6 maggiorenni e un minorenne. I Carabinieri del nucleo operativo Vomero hanno eseguito oggi le ordinanze di custodia cautelare emesse dai gip del Tribunale di Napoli e del Tribunale per i minori di Napoli. ‘’Al Vomero purtroppo –spiega Gennaro Capodanno presidente del comitato valori collinari  – di recente si assiste a una recrudescenza dei fenomeni criminali ad opera di una malavita sempre più agguerrita, oltre che a delle baby gang. Per questo si rende necessario dedicare una particolare attenzione al quartiere collinare da parte delle forze dell’ordine’’.


Le indagini dei militari sono partite dopo la denuncia, lo scorso 2 novembre, di una rapina ai danni di un garage nel quartiere Arenella. Gli inquirenti dopo una serie di pattugliamenti hanno individuato e recuperato le vetture e identificato gli autori del furto. ‘’Da più parti da tempo infatti si levano voci circa l’utilizzo del Vomero quale lavanderia del denaro sporco ricavato da attività e da traffici illeciti – continua Capodanno -. Un aspetto che sembrerebbe trovare conferma anche nella scomparsa progressiva delle cosiddette ‘botteghe storiche’, che dopo decenni di attività stanno abbassando le saracinesche’’.


Fondamentali nelle indagini le immagini di videosorveglianza nelle quali si vede il gruppo di rapinatori, accompagnati da un complice, nei pressi del garage a bordo di un’auto. Nei filmati si vede la banda, a volto coperto, fare irruzione all’interno del garage, minacciando con una pistola il dipendente in servizio notturno, che è stato poi chiuso a chiave nel bagno dell’autosilo. I ladri, a quel punto indisturbati, hanno sottratto le auto, il denaro e l’impianto di antifurto.