Ieri nuovo rinvio del consiglio comunale che avrebbe dovuto votare il bilancio. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, sta vivendo il momento forse più difficile dei suoi 10 anni di amministrazione e, numeri alla mano, non ha più una maggioranza. “Noi abbiamo una maggioranza politica molto forte, coesa e concentrata di 18 persone, ma non abbiamo la maggioranza numerica” ha commentato ieri il primo cittadino. Il sindaco fa sapere di aver avviato una serie di incontri per trovare la quadra rivolgendosi “a quelli che sono opposizione dura e intransigente, ma che hanno anche la testa sul collo e vogliono continuare un dialogo che diventi momenti di responsabilità collettiva per sei mesi, non alleanza strategica“. Ma dalle opposizioni per ora arrivano segnali tutt’altro che confortanti per De Magistris.

”L’appello del sindaco ad un governo istituzionale di fine consiliatura per scongiurare il commissariamento è certamente tardivo e discutibile soprattutto perché al termine di un’esperienza di decennali fallimenti. Nessuno potrà chiederci di votare il bilancio – hanno affermato i consiglieri di opposizione Domenico Palmieri (Napoli popolare) e Salvatore Guanci (FI) -. E’ politicamente coerente scongiurare il rischio di dover consegnare il Comune di Napoli e la città nelle mani del Pd e dei 5 stelle. Oggi il tema attiene al futuro politico di una città che non può più in alcun modo essere amministrata dalle sinistre né estreme né pseudo-moderate”.

‘’Il Sindaco, dopo aver detto che oggi in aula avrebbe presentato un emendamento per la stabilizzazione degli LSU, cosa che però nel momento in cui scriviamo non ha ancora fatto, ed aver sostenuto che in caso di bocciatura del bilancio il Consiglio sarebbe stato sciolto e non si poteva far più nulla sulle questioni più importanti, ha lui stesso chiesto che il Consiglio fosse rinviato ad altra data, perché per sua stessa ammissione “non ha una maggioranza numerica’’ commentano i Portavoce del Movimento 5 Stelle Marta Matano e Matteo Brambilla. ‘’Il M5S non ha da patteggiare nulla con questa amministrazione e tutela solo gli interessi della Città e dei cittadini, che hanno necessità di avere i servizi ed una gestione seria e capace, che riesca ad affrontare con lucidità le problematiche complesse connesse alla pandemia da COVID-19 che oggi viviamo.
Il M5S è pronto a mandare via questa amministrazione, e chiediamo a tutti i consiglieri che condividono questa posizione di schierarsi chiaramente contro questa gestione fallimentare che ha portato la città nel baratro’’
.