Europa amara per il Napoli di Benitez, il pari interno contro il Porto qualifica gli uomini di Castro che volano ai quarti. Gli azzurri nonostante tutto, escono tra gli applausi di un San Paolo che si dimostra come al solito dodicesimo uomo in campo e vero vincitore della serata. Eppure gli azzurri avevano iniziato bene il match rendendosi pericolosi più volte: Al 12′ con una conclusione di Henrique che sfiora il palo lontano e al 15′ con Insigne che a tu per tu con Fabiano calcia debolmente. Il Porto crea poco e si vede solo con Quaresma protagonista di un bruttissimo intervento su Mertens (incredibile la mancata ammonizione da parte del direttore di gara). Al 20′ su uno splendido lancio di Higuain ci pensa Pandev a realizzare il gol del meritato vantaggio, scavetto su Fabiano che non può nulla. I ritmi si abbassano, il Porto ne approfitta e si rende pericoloso con Jackson Martinez di testa su calcio d’angolo. Il Napoli risponde con le invenzioni di Mertens che al 38′ colpisce al volo impegnando il portiere ospite. Si va negli spogliatoi con gli azzurri meritatamente in vantaggio. Nel secondo tempo ancora azzurri in attacco: Al 50′ cross dalla destra su cui si avventa Insigne che colpisce di testa, Fabiano si oppone benissimo e devia in angolo. Passano pochi minuti e ci prova il “pipita” ma la sua conclusione, dopo un bel dribbling in area, non riesce a superare il portierone biancoblù. Fino al 70′ è solo Napoli. Cross dalla destra di Mertens per Pandev che viene anticipato in calcio d’angolo dagli avversari. Sugli sviluppi del corner ci prova Mertens, palla che finisce di un soffio sull’esterno della rete. Il San Paolo è una bolgia, i tifosi ci credono. Ma come spesso accade nel calcio dopo tante occasioni fallite arriva la doccia gelata: La retroguardia azzurra si fa sorprendere centralmente. Fernando lancia il neo entrato Ghilas che si presenta solo davanti a Reina e lo batte, 1 a 1. Il Napoli è allo sbando, accusa il colpo e in pochi minuti Quaresma, libero di agire in area, segna il gol del vantaggio portoghese. Benitez dopo Hamsik, prova anche con Zapata ed è proprio il colombiano nei minuti di recupero a segnare il 2 a 2 che rende meno amara l’eliminazione dall’Europa League. Se sbagli tanto può capitare che ti puniscano, queste sono le parole che sintetizzano alla perfezione questa beffarda eliminazione del Napoli, il San Paolo nonostante tutto applaude i suoi beniamini. Ora gli azzurri potranno concentrarsi sull’obiettivo secondo posto che è ancora alla portata e sulla finale di Coppa Italia. Arrivederci europa!

NAPOLI-PORTO 2-2

NAPOLI
Reina; Henrique, Fernandez, Albiol, Ghoulam; Inler, Behrami; Mertens, Pandev, Insigne; Higuain. All. Benitez
PORTO
Fabiano; Ricardo, Reyes, Mangala, Danilo; Fernando, Defour, C. Eduardo; Quaresma, Varela, Jackson. All. Castro
GOL: 20′ Pandev (N), 68′ Ghilas (P), 75′ Quaresma (P), 92′ Zapata (N)

A proposito dell'autore

Fabio Ferraro

Giornalista pubblicista dal 2014, grande amante di calcio, sport in generale, musica e storia contemporanea, collabora con Napoliflash24 dalla sua fondazione(2013). Curatore dal 2013 delle Rubriche "Largo ai giovani" e "Mondo Ultras" su ilnapolionline.com. In passato ha collaborato con il magazine "Thetripmag.com", il blog "letteraturateatrale.it", il portale "Forumitalia" e inoltre ha ricoperto nel corso del biennio 2013/2014, il ruolo di addetto stampa dell'ASD Partenope Soccer.

Post correlati